AttualitàClima

Ambiente, al via il primo premio letterario ‘Green Word’

Condividi

La letteratura sposa l’ambiente: nasce Green word, il primo concorso letterario per libri di narrativa con tematiche ambientali.

La prima edizione è stata presentata oggi nell’ambito della fiera Ricomincio dai libri ed è realizzata in collaborazione tra l’associazione culturale La bottega delle Parole e il Ministero della Transizione ecologica.

Il concorso vuole promuovere la contaminazione nella narrativa nazionale di temi che riguardino l’ambiente: dalla crisi climatica all’inquinamento alla tutela del patrimonio della biodiversità.

La Spagna vieta frutta e verdura in confezioni di plastica: lo stop dal 2023

L’idea è diffondere nuove narrazioni delle tematiche ambientali, coinvolgendo emotivamente, attraverso la letteratura, cittadine e i cittadini, magari non ancora sensibilizzati ai temi.

Il concorso, che si apre oggi è rivolto ad autori e case editrici che potranno inviare, entro e non oltre il 25 ottobre 2021, le opere.

Entro il 5 dicembre saranno resi noti i nomi dei finalisti e la premiazione avverrà in una cerimonia il 16 dicembre.

Tutte le informazioni sul sito www.labottegadelleparole.it.

Cop26, Milano è pronta ad accogliere Greta e la Youth4Climate

Dopo la fotografia, con il concorso per giovani promosso con Afni, il fumetto con la Bonelli editore, il cinema con la Sardinia film Commission e il premio Solinas, tocca alla letteratura: l’obiettivo è che le tematiche ambientali entrino nella narrazione del quotidiano, emozionino e coinvolgano e possano essere sempre più diffuse.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago