AttualitàInquinamento

Nasce Postepay Green, la prepagata ricaricabile e biodegradabile

Condividi

Nasce Postepay Green, la prepagata ricaricabile e biodegradabile per i ragazzi tra i 10 e i 17 anni realizzata da PostePay Spa in collaborazione con Visa.

La nuova carta, fa parte di una più ampia strategia che impegna PostePay a contribuire alle iniziative ‘ESG’ (Environmental, Social and Governance) del Gruppo Poste finalizzate alla tutela ambientale attraverso la conversione dei prodotti verso materiali ecosostenibili.

Mascherine biodegradabili che si trasformano in fiori e non contaminano l’ambiente

La carta ha le stesse caratteristiche simili ad una Postepay ricaricabile standard: può essere gestita online e dall’App Postepay, consentendo ai genitori di tenere sotto controllo il saldo delle carte e le spese dei propri figli grazie al servizio di ‘parental control’ che permette di impostare i limiti di prelievo e di spesa, abilitare o disabilitare la carta agli acquisti online per singole categorie merceologiche e per l’utilizzo all’estero.

I ragazzi, una volta abilitata la carta nell’App Postepay, potranno utilizzare tutti i servizi disponibili: i pagamenti online, i pagamenti tramite Codice Postepay o Google Pay se in possesso di uno smartphone Android compatibile, il trasferimento di piccole somme di denaro da una carta Postepay all’altra grazie al “p2p” e l’acquisto dei titoli di viaggio dei mezzi pubblici e di Trenitalia.

Vollebak, una felpa biodegradabile che può essere gettata nel terreno a fine vita

La nuova Postepay Green può essere richiesta in tutti gli Ufficio postali dal genitore o tutore del minore e rappresenta uno strumento di supporto per i genitori che vogliono indirizzare i figli verso un approccio responsabile all’utilizzo del denaro e al rispetto dell’ambiente.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago