Attualità

Pornhub contro l’inquinamento dei mari: “Noi siamo ‘sporchi’ ma non devono esserlo le nostre spiagge” VIDEO

Condividi

Pornhub ha deciso di lanciare un progetto con lo scopo di ridurre la quantità di plastica nei mari. A ogni visualizzazione del film “Dirtiest Porn Ever”, il sito per adulti farà una donazione all’associazione Ocean Polymers.

“Noi di Pornhub siamo ‘sporchi’, ma ciò non significa che anche le nostre spiagge debbano esserlo”, Corey Price, vicepresidente di Pornhub.  Il sito per adulti ha deciso di porre l’attenzione su tema sempre più urgente, ovvero quello dell’inquinamento dei nostri mari, al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei rifiuti plastici e l’importanza di ridurre il consumo.

Plastica, ogni settimana ingoiamo l’equivalente di una carta di credito

Dirtiest Porn Ever”  è un film per adulti girato su una delle spiagge più inquinate del mondo: per ogni visualizzazione fatta, PornHub farà una donazione a Ocean Polymers, che da tempo utilizza le soluzioni più avanzate per ridurre la plastica nei mari.

Video online, meno porno e gattini: emettono C02 come la Spagna

Ad oggi possiamo trovare circa 12,7 milioni di tonnellate di plastica nelle profondità dei nostri oceani. La cosa forse ancora più scioccante è che, in soli 30 anni, gli scienziati prevedono che ci sarà più plastica che pesci. L’inquinamento degli oceani è cresciuto fino a diventare uno dei problemi globali più significativi della nostra vita e sta solo peggiorando – ha commentato Price – Ecco perché è indispensabile che si utilizzi la nostra piattaforma per sensibilizzare e ispirare il cambiamento, non solo per il momento ma per le generazioni a venire. Noi di Pornhub siamo “sporchi”, ma ciò non significa che anche le nostre spiagge debbano esserlo.

Plastica monouso, stop entro il 2021. Cosa prevede la direttiva Ue

(Visited 4.005 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago