Consumo CriticoTerritorio

PORSCHE CREA LA PRIMA MACCHINA DA CORSA FATTA ANCHE DI CANAPA

Condividi

Porsche.cavalli di questo bolide sono 425,  numero non  lontano dal mitico 420 e probabilmente non è un caso, visto che parliamo della prima macchina da corsa che contiene canapa nella sua scocca.

Parliamo della nuova Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport, di cui il marchio ha da poco rivelato le caratteristiche.

“Nello sviluppo della nuova Cayman GT4 Clubport 718”, spiegano infatti dalla casa produttrice, “l’attenzione si è concentrata non solo su una guidabilità ulteriormente guidabilità migliorata e su tempi di giro più veloci, ma anche sull’uso sostenibile delle materie prime. La 718 Cayman GT4 Clubsport è la prima auto da corsa di produzione a presentare parti del corpo in materiale composito in fibra naturale. Le porte del guidatore e del navigatore e l’ala posteriore sono costituite da un mix di fibre organiche, provenienti principalmente da sottoprodotti agricoli come fibre di lino o canapa e presentano proprietà simili alla fibra di carbonio in termini di peso e rigidità”.

Caratteristica che si riflette principalmente sul peso, visto che la vettura sportiva pesa solo 1320 chilogrammi. Mentre per i modelli ne sono previsti uno di base e uno da competizione, con prezzi che vanno dai 134 ai 157mila euro più Iva.

“La nuova Porsche 718 Cayman GT4 Clubsport possiede molte più caratteristiche da corsa rispetto al suo predecessore”, ha affermato Fritz Enzinger, il capo motorsport di Porsche. “La potenza del motore è aumentata considerevolmente. Allo stesso tempo, siamo stati in grado di aumentare il carico aerodinamico e l’abitacolo è ora ancora più adatto alle esigenze dei conducenti “.

Oggi che sono passati quasi 80 anni dalla creazione della Hemp Body Car da parte di Ford, che conteneva l’80% di fibre di canapa nella scocca ed era alimentata ad etanolo di canapa, questo vegetale torna a correre sulle strade, sperando che le case automobilistiche lo tengano sempre più in considerazione per lo sviluppo delle vetture del futuro.

Fonte Canapa Industriale

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago