Attualità

INDIA-SRILANKA, RIEMERGE LO SPETTACOLO DEL PONTE DI ADAMO

Condividi

L’oceano Indiano sta mano a mano facendo riemergere dalle sue acque il ponte di Adamo, circondato da mistero e leggende, che univa lo Sri Lanka con l’India distanti ben 18 miglia nautiche.

Opera architettonica o prodotto della natura? Se lo chiedono anche gli esperti, che tramite le immagini satellitari, i video e le foto realizzate sorvolando l’area, non riescono ancora a definirne la struttura.

Di certo si sa che fino al 1480 il ponte di Adamo (Adam’s Bridge), localizzato nello stretto di Palk, era percorribile a piedi e che un monsone poco dopo lo ha spazzato via, almeno in parte. Infatti con il recente abbassamento del livello dell’oceano in quella zona, parte del percorso è riemerso, portando alla luce diversi isolotti di sabbia.

Su questo ponte, però, diverse le leggende locali che ne attribuiscono la maternità ad un esercito di scimmie addestrate da Rama, un avatar di Vishnu, altri affermano che questa sia un’opera architettonica risalente ad oltre 13 mila anni fa.

I più razionali, che si allontanano dall’idea di una seconda Atlantide, affermano invece che questa striscia di terra sia nata in seguito allo spostamento delle placche continentali e che sia quindi un semplice innalzamento della crosta terreste.

Che sia opera dell’uomo o della natura poco importa. Quello che di certo lascia spiazzati è la grandezza di questa scoperta: lo Sri Lanka non è una vera isola.

(Visited 1.084 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago