Inquinamento

Polonia, la centrale a carbone più inquinante d’Europa chiuderà entro il 2036

Condividi

Il governo polacco ha confermato che chiuderà entro il 2036 la centrale a carbone di Bełchatów , considerata la più inquinante di Europa.

La Polonia prevede di chiudere la centrale elettrica più inquinante d’Europa entro la fine del 2036, secondo una bozza di documento pubblicata dalle autorità locali.

Il documento, soggetto a consultazione pubblica, fa parte della domanda di sostegno della regione di Lodz al Fondo per una transizione giusta dell’UE, volto ad aiutare le regioni a sostenere i costi del passaggio a un’economia climaticamente neutra.

Clima, l’appello di 101 premi Nobel: “Stop all’utilizzo di combustibili fossili”

La mossa arriva dopo che il gruppo energetico PGE ha abbandonato un piano per sviluppare una miniera di carbone di lignite a cielo aperto a Złoczew per alimentare l’impianto di Bełchatów dopo aver concluso che il progetto sarebbe in perdita, afferma il documento.

 


Anche Bełchatów, le cui operazioni avrebbero dovuto essere estese oltre il 2030 in base alla produzione della miniera, sarà ora gradualmente eliminato tra il 2030 e il 2036, afferma il documento.

“La programmazione delle date di spegnimento delle unità elettriche della centrale di Bełchatów… [e] l’abbandono del progetto di sfruttamento del giacimento di Złoczew sono di fondamentale importanza per pianificare il futuro del complesso di Bełchatów, dei suoi dipendenti e degli abitanti di questa regione”, ha affermato l’amministratore delegato di PGE, Wojciech Dąbrowski.

Combustibili fossili, i killer invisibili responsabili di 8,7 mln di morti solo nel 2018

 


Sono anche simbolici, perché il successo di questo progetto determinerà in gran parte il successo della trasformazione energetica polacca”.

Le attività di carbone di PGE, tra cui Bełchatów e Złoczew, dovrebbero essere separate e trasferite a un’agenzia statale entro pochi mesi come parte del piano della Polonia per liberare le sue utenze dal carbone.

La Polonia genera la maggior parte della sua elettricità dal carbone, ma sotto la crescente pressione dell’UE e con l’aumento dei costi delle emissioni di carbonio, ha incoraggiato maggiori investimenti in fonti a basse emissioni.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago