Riciclo e RiusoRifiuti

Xtreme Renew, bottiglie realizzate al 100% da plastica riciclata

Condividi

Plastica. Il suo nome è Xtreme Renew, ed è un rivoluzionario sistema che permette di produrre bottiglie interamente in polietilene tereftalato riciclato per uso alimentare, senza quindi passare per la materia prima intermedia dei granuli, grazie a macchinari prodotti a Vittorio Veneto negli stabilimenti della Sipa (Gruppo Zoppas Industries).

Questo innovativo sistema però, che rende il processo produttivo più economico e sostenbile, non può essere impiegato in Italia.

Mentre l’Europa dice che bisogna avviare a riciclo tutti i rifiuti che possono essere riciclati, la legge italiana impone l’obbligo di arrivare al 50% di riciclo del Pet per produrre nuove matricole.

“Questa è un’innovazione tecnologica che può aiutare il nostro Paese a fare passi in avanti – ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani, in visita allo stabilimento – in Italia siamo in grado di fare cose straordinarie, come dimostra questa esperienza, ma bisogna superare certi limiti sui rifiuti che per la normativa non possono essere avviati a riciclo. Per la legge italiana c’è l’obbligo di arrivare al 50% di riciclo del Pet per produrre nuove matricole ma dobbiamo raggiungere il 100%”.

Rivoluzione green per Trenitalia: in un anno eliminerà 300 tonnellate di plastica

“L’Europa – ha concluso Ciafani – dice che bisogna avviare a riciclo tutti i rifiuti che possono essere riciclati. La normativa italiana è un’anomalia che dev’essere rimossa. Il lavoro che stiamo facendo è convincere Parlamento e Governo che l’economia circolare si fa anche con normative che semplificano il riciclo perché ci sono troppi ostacoli non tecnologici allo sviluppo dell’economia circolare”.

“Si tratta di una soluzione fortemente innovativa – ha dichiarato Gianfranco Zoppas, Presidente Zoppas Industries – che consente una rilevante riduzione dell’impatto ambientale: grazie alla tecnologia che abbiamo brevettato, infatti, è possibile riutilizzare il 100% di plastica riciclata”.

Inoltre, l’ottimizzazione dei processi di produzione delle preforme, partendo da scaglie di bottiglie riciclate, porta a un risparmio di energia di quasi il 30% e una riduzione delle emissioni di CO2 del 79% rispetto alla produzione di contenitori ottenuti utilizzando materiale vergine.

Plastica, Adidas realizza un campo da football con bottiglie riciclate

Xtreme Renew consente anche una riduzione del 18% rispetto al sistema tradizionale di produzione di contenitori in PET riciclato in granuli.

A questo si aggiunge un efficientamento della gestione del magazzino con una contrazione del 20% dello spazio di stoccaggio.

“L’impianto di riciclo per le bottiglie di plastica – ha aggiunto Zoppas – è quindi in grado di ridurre i consumi di materia e di energia e i costi di processo e logistici nella produzione di bottiglie di plastica, con possibilità di realizzarle al 100% in rPet (partendo da scaglie, in un unico ciclo di riscaldamento)”.

Quando il riciclo diventa sopravvivenza: la guerra delle lattine a New York

Xtreme Renew nel mondo

Nel 2018 l’impianto è stato venduto in Giappone, dove da novembre di quello stesso anno è già funzionante ed è il più performante al mondo. L’impianto è in grado di produrre oltre 300 milioni di preforme all’anno, trasformando le vecchie bottiglie in PET (polietilene teraftalato) in scaglie pulite.

Queste, poi, alimentano l’impianto di produzione delle preforme, differenziandosi da altri sistemi sul mercato che, invece, devono partire da materia prima già trattata.

Grazie a questi impianto le scaglie di plastica sono completamente decontaminate, e vengono rese quindi adatte a cibi e bevande.

 

 

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago