Secondo gli ultimi dati circa l’85% delle giovani tartarughe nate al largo delle coste australiane ha ingerito plastica almeno una volta e, a causa di ciò, spesso non arrivano all’età adulta.

La maggior parte delle giovani tartarughe catturate al largo della costa del Queensland ha ingerito plastica almeno una volta secondo un nuovo studio

Secondo uno studio delle università di Deakin, James Cook e Murdoch, è stato scoperto che circa l’83 per cento delle tartarughe verdi e l’86 per cento delle tartarughe caretta caretta al largo della costa del Queensland hanno ingerito plastica.

Tartarughe marine, sull’isola di Filicudi apre il pronto soccorso per salvare gli esemplari in difficoltà

Il professor Mark Hamann della James Cook University ha affermato che l’inquinamento da plastica è diventato una delle minacce più pressanti per la fauna marina.

La plastica ora costituisce l’80% di tutti i detriti marini e può essere trovata ovunque, dalle acque superficiali ai sedimenti di acque profonde”, ha affermato il professor Hamann.

I ricercatori hanno esaminato il contenuto dello stomaco, dell’intestino, dei resti organici e della vescica di tartarughe spiaggiate o catturate, raccolte nell’Oceano Indiano al largo dell’Australia occidentale e nell’Oceano Pacifico al largo dell’Australia orientale.

Inquinamento, trovate tracce di plastica nei muscoli di 44 tartarughe marine morte in tre anni

Il professor Hamann ha affermato che una tartaruga trovata nell’Oceano Indiano conteneva 343 pezzi di plastica mentre un’altra nell’Oceano Pacifico ne conteneva 144.

La percentuale di tartarughe che avevano ingerito plastica era molto più alta nell’Oceano Pacifico che nell’Oceano Indiano.

La ricerca, che ha coinvolto anche l’Università di Exeter nel Regno Unito, è stata appena pubblicata sulla rivista peer-reviewed Frontiers in Marine Science.

I ricercatori hanno suggerito che le piccole tartarughe giovani sono più a rischio, poiché questa fase della vita è più soggetta a intrappolamento e ingestione di plastica a causa delle loro preferenze alimentari, mentre le zone oceaniche in cui abitano si sovrappongono ad aree ad alto inquinamento plastico.

Articolo precedenteRiforma della giustizia, anche l’ex Ministro Costa contro la Cartabia: “Togliete la prescrizione dai reati ambientali”
Articolo successivoAmbiente, la nuova frontiera per ridurre le emissioni: camion alimentati con un pieno di whisky