Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, via le buste e tutto ciò che a che fare col monouso dai supermercati Carrefour

Condividi

Majid Al Futtaim, colosso della distribuzione al dettaglio, rimuoverà tutte le buste di plastica dai supermercati Carrefour negli Emirati Arabi entro il 2025. Per il CEO Hani Weiss: “800 milioni di buste di plastica saranno rimosse dalla circolazione ogni anno. Sarà eliminato tutto ciò che è legato alla plastica monouso”.

Majid Al Futtaim, catena di negozi di vendita al dettaglio e partner del colosso dei supermercati Carrefour negli Emirati Arabi, ha annunciato il suo piano per eliminare la plastica monouso entro il 2025.

Plastica monouso, altri due Stati mettono al bando le buste

Come parte del suo impegno per ridurre a zero l’utilizzo della plastica, la catena smetterà di fornire buste di plastica ai consumatori in tutti i supermercati Carrefour, di cui il gruppo ne possiede già 300. La mossa spera di incoraggiare i consumatori ad utilizzare la propria busta per la spesa durante gli acquisti nei supermercati Carrefour. L’iniziativa non riguarda solamente le buste ma tutta quella plastica non necessaria. Questo include cannucce, posate, container e vaschette. Sacchi per i rifiuti e i flaconi per i detersivi non saranno eliminati.

Plastica, ogni settimana ingoiamo l’equivalente di una carta di credito

Mentre il piano diventerà pienamente operativo nel 2025. Secondo il CEO Hani Weiss l’iniziativa taglierà circa 800 milioni di buste di plastica dalla circolazione ogni anno. Non è l’unica proposta per ridurre il consumo di plastica monouso negli Emirati Arabi.

Plastica monouso, stop entro il 2021. Cosa prevede la direttiva Ue

Nel 2019 Shaikha Al Hosani, direttore esecutivo del settore qualità ambientale dell’Agenzie per l’ambiente di Abu Dhabi, ha detto che sta lavorando ad una manovra per addebitare i costi delle buste di plastica ai supermercati. La decisione di Majid Al Futtaim vedrà la plastica monouso rimossa da 26 centri commerciali, 13 hotel e 46 VOX cinema.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago