Scienza e Tecnologia

Plastica? No, un materiale dallo stesso aspetto ma che si scioglie in acqua in poco tempo

Condividi

Sembra plastica ma non lo è! Stesso aspetto e funzionamento ma è totalmente biodegradabile. Il materiale è stato brevettato dall’ingegnere Sharon Barak: si scioglie in acqua e scompare in pochissimo tempo a differenza della plastica. 

Un’invenzione che potrebbe dare un grosso contributo all’inarrestabile onda di plastica che sta invadendo i nostri mari. L’idea è stata dell’ingegnere chimico Sharon Barak che, dopo aver lasciato un’industria dove si produceva plastica per mettersi in proprio e brevettare questo nuovo materiale completamente biodegradabile ed ecologico al 100%. Nasce così la startup “Solutum”

Distributori automatici green, prodotto il primo bicchiere ‘Cup2Cup’ in plastica riciclata

La plastica convenzionale, una volta gettata, può rimanere in natura per decenni e persino secoli, diventando sempre più una minaccia sia gli animali che per le persone. Il tempo medio per biodegradarsi è di 50 anni per i bicchieri di plastica, 200 anni per le cannucce e 450 anni per le bottiglie di plastica.

Secondo una stima basata su una nuova ricerca, almeno 14 milioni di tonnellate di pezzi di plastica di larghezza inferiore a 5 mm si trovano probabilmente sul fondo degli oceani del mondo. L’analisi dei sedimenti oceanici fino a 3 km di profondità suggerisce che potrebbe esserci 30 volte più plastica sul fondo dell’oceano del mondo di quanta ne galleggia in superficie.

Non solo posate, piatti e cannucce. Stop a vendita e uso anche di bicchieri in plastica

Sharon Barak si era prefissata l’obiettivo di realizzare un prodotto con stesso aspetto e funzionamento della plastica ma che allo stesso tempo si  possa dissolvere in acqua in brevissimo tempo e senza danneggiare la natura. Si tratta di un materiale talmente naturale che si può addirittura bere l’acqua in cui si è sciolta.

In un momento delicato come questo che stiamo vivendo a causa dell’emergenza Covid-19 è importante trovare soluzioni e alternative allo smodato uso di plastica monouso.  Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati prodotti milioni e milioni di mascherine, milioni di visiere, milioni di guanti, di tute per il personale medico e infermieristico, di contenitori per gli alimenti, per gli imballaggi, per i trasporti: una quantità di plastica dirompente e che difficilmente l’ambiente riuscirà a sostenere, se non verrà trattata correttamente.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago