Riciclo e RiusoScienza e Tecnologia

Plastica, due scienziate la trasformano in prodotti chimici riutilizzabili VIDEO

Condividi

Due scienziate canadesi hanno creato BioCellection, una compagnia che trasforma la plastica non riciclabile in prodotti chimici che possono essere utilizzati dalle industrie.

Trovare una soluzione all’inquinamento della plastica non è semplice ma questo non ha scoraggiato Miranda Wang e Jeanny Yao, due giovani imprenditrici e scienziate canadesi.

Queste due donne cercavano un nuovo modo per evitare che la plastica non riciclabile finisca nelle discariche o negli oceani. Il duo ha creato BioCellection, un’impresa che ha sviluppato un processo con cui la plastica non riciclabile, come il polietilene, viene trasformata in prodotti chimici, utilizzabili per i componenti delle auto e per i materiali elettrici e tessili.

Le due imprenditrici si sono conosciute ad un programma di riciclaggio a scuola e a 18 anni hanno iniziato a pensare ad un modo per utilizzare la plastica che altrimenti finirebbe nei mari.

Inquinamento, gli oceani contengono plastica per un milione di volte maggiore di quanto si pensi

In questo modo hanno scoperto che i batteri possono distruggere la plastica. Wang ha raccontato che questo è stato solo l’inizio: “Se le cellule possono trovare un modo naturale per cambiare la struttura del carbonio, allora ci sono anche soluzioni chimiche che permettono di farlo allo stesso modo ma più velocemente e con molta efficienza”. Grazie a questa idea è nata BioCellection.

Orsi polari in cerca di cibo: potrebbero aver ingerito plastica

Il loro laboratorio utilizza polistirolo, in particolare polietilene a bassa densità ed ad alta densità, che può essere trovato nelle buste della spesa e negli imballaggi dei pacchi o del cibo. Lo smistano, lo fanno a pezzi e poi danno via ad un processo chimico sulla plastica che lo trasforma in un prodotto che può essere venduto. Il loro scopo è creare un impianto con la capacità di riciclare 45,500 tonnellate di plastica che altrimenti finirebbe nelle discariche o negli oceani. L’operazione sarebbe in grado di ridurre le emissioni di CO2 di 320,000 tonnellate.

Inquinamento, l’ondata di bottiglie di plastica in Sudafrica VIDEO

BioCellection sta collaborando con altre compagnie per provare a rendere disponibile questa tecnologia in aree strategiche in tutto il mondo in modo di poter combattere l’inquinamento su larga scala. Gli scienziati di BioCellection hanno prodotto una serie di acidi grazie a questa plastica per prodotti, come solventi o rivestimenti. Questi acidi, chiamati intermedi chimici, sono i primi ad essere prodotti dalla plastica invece che dal petrolio. In questo modo la soluzione di BioCellection non solo aiuta a risolvere il problema della plastica ma offre anche un prodotto valido non realizzato con combustibili fossili.

Rolex ha nominato Wang per il suo premio Rolex Awars for Enterprise. Elle Magazine ha nominato sia Wang che Yao tra le “27 Donne che stanno portando avanti il cambiamento per proteggere l’ambiente”.

Nello stesso articolo la rivista ha nominato donne come Greta Thunberg, Shailene Woodley, Sylvia Earle e Alexandria Ocasio-Cortez.

(Visited 39 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago