Attualità

Plastica, dal riciclo della raccolta differenziata toscana nasce una lampada di design

Condividi

Plastica. R3direct e Revet con la loro lampada di plastica riciclata sono tra i finalisti del Ro Plastic Prize, organizzato dalla Galleria Rossana Orlandi nell’ambito del fuori salone 2019 a Milano dal 9 al 14 aprile.

Un premio che si pone l’obbiettivo di fare dell’inquinamento causato dalla plastica una risorsa per tutti i designer, che devono quindi proporre progetti in grado di contribuire a risolvere il problema.

Fishing for litter, Puglia. 1200 kg di rifiuti recuperati. Emiliano: “Proteggiamo il nostro mare dalla plastica”

La lampada magma, è stata stampata in 3d da R3direct partendo per la prima volta dal granulo poliolefinico riciclato, ottenuto dagli imballaggi misti della raccolta differenziata toscana della plastica a cui sono stati aggiunti anche gli imballaggi recuperati sui fondali marini dai “pescatori spazzini” coinvolti nel progetto Arcipelago pulito che ha ispirato la legge ‘salvamare’ appena varata dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

Seabin, il cestino galleggiante che raccoglierà 500 chili di plastica all’anno

Il premio è rivolto a designers provenienti da tutti i paesi, di background, età e curriculum diversi.

Design processHome TextilesPackaging Solutons e Conscious Innovation Projects sono le categorie all’interno delle quali saranno selezionati i quattro vincitori.

Plastica negli oceani, i Paesi Nordici chiedono un trattato globale

R3direct è una società costituita da Stefano Giovacchini, designer, e Cristiano Cavani e Marco Paganucci di CrescoLab nata dal bando ‘Circularicity – Il Co-Design per l’innovazione e la sostenibilità‘ del Comune di Capannori (Lucca) ed è specializzata in progettazione e realizzazione in stampa 3D sperimentale di prodotti in plastica riciclata. Revet seleziona e avvia a riciclo l’80% delle raccolte differenziate toscane di plastica, alluminio, acciaio, tetrapak e vetro.

Attraverso la controllata Revet Recycling ricicla la componente poliolefinica del plasmix ottenendo granuli adatti allo stampaggio a iniezione (ma ora anche in 3D) di qualsiasi oggetto.

 

(Visited 111 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago