AttualitàRifiuti

Decreto Agosto: via libera a bottiglie di plastica riciclata al 100%

Condividi

Plastica. Il decreto Agosto è legge. La Camera ha approvato in via definitiva – lasciando inalterato – il testo già passato al Senato. La legge di conversione è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 13 ottobre ed entra in vigore il 14 ottobre 2020.

Tante le misure contenute nel testo: cassa integrazione, smart working, decontribuzioni per imprese, bonus e divieto di licenziamenti.

“Con il decreto agosto – scrive in un post facebook il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costaabbiamo aggiunto un altro importante tassello per un Paese sostenibile. Ci sono moltissime norme ambientali, come ad esempio lo stanziamento di fondi per la qualità dell’aria nella pianura padana (una delle zone più inquinate d’Europa) o interventi di rimboschimento per combattere il dissesto”.

Uovo cotto imballato nella plastica e altri imballaggi inutili: ma cosa ci passa per la testa?

Di particolare rilievo la norma che dà il via al riciclo fino al 100% per le bottigliette di plastica.

Fino ad oggi infatti, una bottiglietta di plastica doveva contenere almeno il 50% di materiale vergine.

Rifiuti, almeno 14 milioni di tonnellate di pezzi di plastica sul fondo dell’oceano

“Il sì alle bottiglie di plastica riciclata al 100% nel DL agosto elimina l’obbligo per le aziende del settore di usare almeno il 50% di materia vergine, privilegiando, dunque, la catena produttiva del petrolio, è un segnale importante perché guarda al futuro della filiera italiana in chiave green” – commenta il Ministro Costa, ringraziando il Senatore Ferrazzi, primo firmatario, la presidente della Commissione Ambiente del Senato Vilma Moronese, e tutta la Commissione per il prezioso lavoro svolto.

Potenziare il nostro comparto della plastica riciclata – conclude Costa – significa fare concretamente economia circolare ed essere pienamente nella transizione green del nostro Paese, che così può essere più competitivo anche a livello internazionale”.

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago