Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, ragazzo vince 50mila dollari con un progetto per ripulire il mare VIDEO

Condividi

Un ragazzo irlandese ha vinto il Premio Google Science Fair con una geniale invenzione per rimuovere la microplastica dagli oceani.


Migliaia di partecipanti tra i 14 e i 18 anni hanno presentato le loro invenzioni al contest di quest’anno. Dei 24 finalisti internazionali , il 18enne Fion Ferreira è stato nominato vincitore grazie al suo progetto per rimuovere la microplastica dall’acqua usando magneti e ferrofluidi – una combinazione di olio e polvere di magnetite.

Microplastiche, mangiamo almeno 50mila particelle ogni anno

Microplastiche nelle pance dei pesci, anche in quelli di lago

È impossibile usare i classici metodi di filtraggio per impedire alle particelle di arrivare nei fiumi e nei mari, essendo le particelle grandi meno di 5 millimetri di diametro.

Microplastiche portate dal vento e dalla pioggia anche in zone remote della terra

Il giovane Fionn invece è stato capace di raccogliere l’87% delle microplastiche presenti nel campione d’acqua usato per il test, usando il suo metodo a ferrofluidi; il risultato e stato soddisfacente nel 100% degli oltre mille test fatti.

Adesso che è stato premiato con i 50mila dollari del primo premio, il ragazzino da West Cork spera che che il suo sistema venga implementato negli impianti di filtraggio dell’acqua, in modo che le microplastiche vengano raccolte e non raggiungano gli oceani.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago