AnimaliRifiuti

Plastica, a Queensland stop a cannucce e piatti monouso per salvare la fauna marina

Condividi

Dal primo luglio 2021 niente più cannucce e piatti monouso a Queensland, Australia. Il 94% delle persone e delle aziende è positiva all’idea di trovare soluzioni al monouso con lo scopo di salvare la fauna marina e ridurre l’inquinamento. 

Il governo del Queensland si adopererà per vietare cannucce, posate e piatti di plastica nel tentativo di intervenire sugli effetti della plastica che sta devastando la fauna marina. E’ stata introdotta una legislazione che vieterebbe gli articoli monouso, facendo del Queensland il secondo stato dopo l’Australia del sud a presentare una proposta del genere al Parlamento.

Elefante morto a causa di sacchetti di plastica: erano nel suo stomaco

Se approvato, la prima data di inizio del divieto sarebbe il 1 ° luglio 2021, per dare alle imprese, alle scuole e alle altre strutture il tempo di pianificare i cambiamenti. Le leggi includono esenzioni per le persone con disabilità o requisiti medici per consentire a punti vendita come farmacie, scuole e strutture di cura di mettere a disposizione cannucce di plastica per le persone che ne hanno bisogno. La legislazione consente, inoltre, di estendere il divieto ad articoli come tazze da caffè, tazze in polistirolo, contenitori da asporto e sacchetti di plastica a seguito di una consultazione pubblica.

La consultazione pubblica del governo del Queensland a marzo ha rilevato che il 94% delle persone e delle aziende intervistate ha sostenuto il divieto di cannucce, piatti, posate e agitatori di plastica monouso.

Tartarughe intrappolate dalla plastica: molte non ce l’hanno fatta

Le comunità vogliono trovare una soluzione positiva per ridurre i rifiuti di plastica e proteggere il nostro ambiente“, ha affermato il Ministro dell’ambiente dello Stato, Leeanne Enoch che ha specificato che la data di inizio è flessibile, dato che le aziende dovrebbero reperire nuovi prodotti in un momento in cui gestivano anche gli effetti economici della pandemia di coronavirus,

Altre giurisdizioni hanno preso in considerazione divieti simili. L’ACT dovrebbe presentare il proprio disegno di legge quest’anno e il Nuovo Galles del Sud e l’Australia occidentale hanno completato la consultazione pubblica.

In risposta all’introduzione della legislazione, il WWF Australia ha classificato il Queensland numero uno su una nuova classifica che confronta le politiche negli Stati e nei territori australiani adottate nei confronti della plastica monouso.

Animali, salvati quattro cuccioli di riccio da un “nido” di rifiuti di plastica: stavano per soffocare

L’ACT e l’Australia Meridionale sono entrambi al secondo posto, con Victoria, Tasmania e Northern Territory uguali per ultimi. Katinka Day del WWF Australia: “Gli oggetti in plastica come cannucce, piatti e utensili vengono spesso scartati dopo un singolo utilizzo, finendo in discarica o nei nostri oceani per centinaia di anni.”

L’Australian Marine Conservation Society ha affermato che il Queensland ha preso provvedimenti significativi per affrontare l’inquinamento da plastica negli ultimi anni, prima attraverso un divieto sui sacchetti monouso e poi con l’introduzione di un sistema di deposito di container. 

Le cannucce e le posate di plastica sono tra le materie plastiche più letali per la fauna come gli uccelli marini e le tartarughe. Rimangono bloccati nelle vie aeree e causano lesioni interne dolorose e avvelenamento quando vengono mangiati.

Foto di Jasmin Sessler da Pixabay

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago