Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, arriva in Sicilia la prima scuola plastic-free

Condividi

Plastica. Una scelta educativa importante sia per le nuove generazioni, sia per genitori: la scuola Bersagliere Urso di Favara, in provincia di Agrigento diventa la prima plastic free in Italia.  I ragazzi entusiasti di questa decisione e di essere parte del cambiamento per salvare il pianeta.

I ragazzi  della scuola Bersagliere Urso di Favara in provincia di Agrigento hanno accolto con entusiasmo  la decisione di essere la prima scuola plastic – free in Italia, rispondendo all’appello lanciato da Marevivo.

Plastica, dal Ministero Ambiente nuovo regolamento per eventi pubblici solo plastic free

La preside dell’istituto, Brigida Lombardi, ha dichiarato: “Abbiamo voluto dare il nostro contributo perché il nostro dovere è di salvaguardare il nostro pianeta.  Abbiamo inoltre inserito il progetto all’interno dell’offerta formativa come educazione ambientale.  Come istituto abbiamo deciso di adottare bicchieri per il caffè e per l’acqua di carta, abbiamo mandato una circolare alle famiglie invitandole a non usare bottigliette di plastica  e i ragazzi hanno ricevuto un borraccia in alluminio omaggiata da una ditta locale. È nelle scuole che si formano i custodi del nostro pianeta,

Bastano piccoli cambiamenti per liberare il pianeta dalla plastica, per un mondo meno inquinato e più sostenibile. E l’impegno parte proprio dai più giovani, le future generazioni, sull’esempio dell’attivista svedese  Greta Thunberg, sono ormai in prima linea per difendere e proteggere la Terra prima che sia troppo tardi.

Chi è Greta Thunberg? La storia della giovane attivista svedese

Si potrebbero risparmiare più di un milione di bottigliette d’acqua ogni anno scolastico se 10 istituti di medie dimensioni decidessero di adottare la stessa politica della scuola di Favara.

L’iniziativa è in linea con la nuova direttiva europea che impone il bando della plastica monouso, che rappresenta il 70% dell’inquinamento di spiagge e mari, entro il 2021.

Stop plastica monouso, il voto del parlamento Ue

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago