Riciclo e RifiutiTerritorio

“Plastic Free Boy”, il teenager in missione per salvare il mondo dalla plastica

Condividi

Il teenager australiano Arlian Ecker è in missione per salvare il mondo dalla plastica, diventando testimonial di una campagna per eliminare gli oggetti a uso singolo, e ha poco a poco ha riunito a se stelle del cinema e della tv.

 

Arlian ha iniziato la sua battaglia quando aveva 11 anni, dopo aver assistito alla cura e alla rimessa in mare di tre tartarughe che avevano subito diversi danni dai rifiuti plastici nell’oceano.

Plastica, a Milano un’installazione per contrastare l’inquinamento marino

Insieme alla madre Karin Ecker ha prodotto un documentario per mostrare agli altri bambini le tremende condizioni in cui versano i mari.

“C’è moltissima plastica negli oceani, e sta uccidendo le tartarughe e le altre forme di vita marine”,racconta Arlian sul palco dell’Asia Pacific Cities Summit a Brisbane, “Se non facciamo niente perderemo il mio futuro, il futuro dei vostri figli e dei vostri nipoti.”

Quando avrò 42 anni – nel 2050 – ci sarà più plastica negli oceani che pesci.”

Più di 120mila studenti hanno visto il documentario di Arlian, più tutti quelli che anno visto i sui filmati sull’inquinamento degli oceani su Youtube.

Questo ragazzo di 12 anni, conosciuto adesso con il soprannome di “Plastic Free Boy“, è stato invitato a parlare a una serie di conferenze, sia in Australia che all’estero. Il lavoro di Arlian ha catturato l’attenzione anche della stella di Hollywood e “vicino di casa” Chris Hemsworth, il Thor dei film Marvel.

“Ho incontrato Chris e mi ha detto che ha visto i miei video su Youtube ed è rimasto molto colpito da quello che io e molti altri bambini stanno facendo contro l’inquinamento…spero di poter fare qualcosa con lui in futuro” ha raccontato Arlian.

Plastica, G20 Ambiente firma accordo per combattere inquinamento negli oceani

Lochie Davis, un giovane attivista di 8 anni dello stato di Victoria, ha raccontato che si è convinto ad unirsi alla campagna Plastic Free di Arlian dopo aver visto il suo documentario “Plastic Alarm“.

“Abbiamo visto il trailer del documentario a scuola e mi ha convinto a non usare più oggetti di plastica”, ha raccontato ai media locali Lochie

Arlian vende magliette con il suo logo “Plastic Free Boy” per finanziare la sua campagna.

“Vendiamo T-shirt,tazze, tutte con il nostro logo, e tutte plastic free!”

Oceani, un’onda blu in tutto il mondo per chiudere la tutela dei nostri mari VIDEO

Arlian sta al momento raccogliendo fondi per produrre un secondo documentario, questa volta sugli effetti della plastica sulla Grande Barriera Corallina.

Se siete interessati a supportare Arlian, questa è la sua pagina Facebook.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago