InquinamentoRifiuti

Plastica, una piattaforma galleggiante per rimuovere i rifiuti dagli oceani: il progetto The 8th Continent

Condividi

Si chiama The 8th Continent la stazione galleggiante progettata dalla slovacca Lenka Petrakova per raccogliere i rifiuti plastici dagli oceani.

Si propone di risolvere uno dei maggiori problemi di inquinamento del mondo, i rifiuti plastici nell’oceano, l’ ambizioso progetto della stazione galleggiante della designer slovacca Lenka Petráková, dal titolo The 8th Continent . “Sebbene sia un progetto non costruito, come ha detto Jules Verne, tutto ciò che un uomo può immaginare, un altro può renderlo reale” dichiara la progettista parlando del suo concept. “E credo che oggi sia il momento di immaginare un futuro più pulito, più sostenibile dal punto di vista ambientale e modi per realizzarlo con creazioni tecniche, architettoniche e artistiche, per permetterci di costruirli per il nostro domani e quello del mondo”.

L’enorme stazione galleggiante immagina un futuro più pulito e sostenibile per gli ambienti marini grazie a un sistema che raccoglie i rifiuti in plastica dalla superficie dell’acqua e li scompone in materiale riciclabile.

Arrivano i primi robot autonomi in grado di ripulire dai rifiuti i fondali degli oceani VIDEO

Attualmente i rifiuti marini occupano una superficie di circa 1,6 milioni di metri quadrati nel Pacifico settentrionale, una estensione che, come suggerisce la designer Petráková, potrebbe essere considerata l’ottavo continente del mondo (the 8th Continent).

 


La struttura galleggiante è stata progettata per essere posizionata non a caso nell’Oceano Pacifico ed è composta da cinque parti principali, ciascuna con una specifica funzione: la barriera, il collettore, il centro di ricerca e formazione, le serre e gli alloggi per i ricercatori della stazione.

La barriera galleggiante, alimentata dall’energia delle maree, raccoglie i rifiuti, che vengono poi selezionati, biodegradati e immagazzinati nel collettore. Oltre a ripulire l’acqua, Lenka Petráková immagina la stazione galleggiante anche come una piattaforma interdisciplinare provvista anche di un centro di ricerca e formazione in cui studiare gli ambienti marini e dimostrarne le condizioni sempre più preoccupanti. Il centro di ricerca è collegato al collettore e alle serre per seguire i processi idrici e studiarli.

Le isole di plastica più grandi del mondo che stanno soffocando gli oceani

Nelle serre le piante vengono coltivate utilizzando la coltivazione idroponica, un metodo per coltivare piante senza suolo usando solo l’acqua. Le serre hanno una struttura simile a grandi vele per consentire al vento di circolare nella stazione galleggiante e consentire alla struttura di resistere ai forti venti oceanici.

“L’oceano che dà vita sta soffrendo e dobbiamo contribuire a ristabilirne l’equilibrio per la sopravvivenza del nostro pianeta” afferma Petráková. “Non possiamo ottenerlo solo con la tecnologia, ma abbiamo bisogno di una piattaforma interdisciplinare per educare le persone e cambiare il loro rapporto con l’ambiente marino per le generazioni a venire“.

(Visited 62 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago