Attualità

Plastica, contro l’inquinamento palloncini ecologici in volo a Bari

Condividi

PlasticaIn occasione della settimana di festa dedicata a San Giuseppe, nel quartiere Madonnella di Bari, il tradizionale volo dei  palloncini, contenenti le preghiere al Santo, anche quest’anno è all’insegna della sostenibilità. Palloncini biodegradabili, per cercare di inquinare il meno possibile, in linea con la battaglia intrapresa dalla Puglia contro la l’inquinamento e la dispersione della plastica.

Palloncini colorati per fare volare in alto le preghiere dei bambini dedicate a San Giuseppe. Si tratta di “palloncini rigorosamente biodegradabili” come assicura don Tino Lucariello il parroco della chiesa di San Giuseppe, nel cuore del quartiere Madonnella.

Plastica, a Barletta volontari Greenpeace manifestano in spiaggia in difesa del mare

100 milioni di tonnellate all’anno disperse in natura. Wwf: “urge Trattato globale

La lotta ai palloncini inquinanti è sbarcata in Puglia qualche mese fa, con le ordinanze dei sindaci di Maruggio, Bitonto e Giovinazzo, che hanno vietato il lancio dei palloncini in aria per evitare la dispersione della plastica. I provvedimenti infatti autorizzano l’acquisto di palloncini, ma vietano il lancio in aria, abitudine frequente durante feste e manifestazioni pubbliche e private.

Palloncini in volo, scattano i divieti

Arriva in Sicilia la prima scuola plastic-free

L’Isola D’Elba aderisce alla campagna plastic-free

“Ci siamo affidati a una ditta specializzata di Japigia e abbiamo ottenuto tutte le certificazioni – spiegano i referenti del comitato – perché abbiamo voluto mantenere la tradizione, cercando di inquinare meno possibile. Ci stiamo adeguando ai tempi e attrezzando per diventare completamente sostenibili. Una scelta spiegata ai bambini proprio attraverso l’uso dei palloncini ecologici“.

(Visited 297 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago