Riciclo e Riuso

Plastica, le nuove Barbie fatte riciclando i rifiuti dell’oceano

Condividi

Mattel lancerà una nuova serie di Barbie creata riciclando rifiuti plastici proveniente dagli oceani.

Mattel sta per lanciare una nuova linea di Barbie realizzate in plastica destinata a divenire rifiuti oceanici

La collezione “Barbie Loves the Ocean”, che ha un tema estivo, include tre bambole, un set da gioco in una capanna sulla spiaggia e un set di giochi per principianti.

Giocattoli di plastica per bambini, presenti sostanze chimiche dannose

L’azienda di giocattoli sta collaborando con la società di riciclaggio della plastica Envision Plastics, un importante riciclatore di prodotti in HDPE, e il materiale proverrà da aree della penisola messicana di Baja che stanno cercando di mitigare l’inquinamento dei rifiuti di plastica.

I nostri sforzi per la sostenibilità rappresentano il prossimo passo nella missione e nell’evoluzione sociale di Barbie”, ha detto a CNN Business Lisa McKnight, vicepresidente senior di Mattel (MAT) e responsabile globale del portafoglio Barbie e bambole dell’azienda. “Per mostrare veramente alla prossima generazione che possono essere qualsiasi cosa, dobbiamo fare la nostra parte nel proteggere il pianeta, ridurre il nostro impatto ambientale e promuovere comportamenti quotidiani sostenibili”, ha aggiunto.

Ogni bambola nel set “Barbie Loves the Ocean” costerà 10 dollari, 20 per la capanna sulla spiaggia e altri 10 per gli accessori base. Come parte della serie di vlog di Barbie su YouTube, Mattel abbinerà l’uscita delle bambole a un nuovo video intitolato “Barbie Shares How We Can All Protect the Planet”.
La nuova linea Barbie e le iniziative educative Barbie sono l’ultima mossa di Mattel per raggiungere i suoi obiettivi di sostenibilità. L’azienda di giocattoli si era precedentemente impegnata a utilizzare materiali plastici riciclati, riciclabili o a base biologica al 100% in tutti i suoi prodotti e imballaggi entro il 2030.


A maggio, l’azienda di giocattoli ha annunciato il lancio di un programma chiamato “Mattel Playback”, che incoraggia i consumatori a inviare a Mattel i loro vecchi giocattoli e l’azienda può riutilizzare i materiali per i futuri prodotti Mattel. Il programma è iniziato con Barbie e altri due marchi Mattel – Matchbox e MEGA Toys – e i marchi verranno aggiunti al programma in futuro. La pandemia ha creato un’impennata imprevista della domanda di giocattoli mentre i genitori si accucciavano con i bambini a casa.

Plastica, c’è una scuola in India dove le lezioni vengono pagate consegnando rifiuti

Mattel non è solo nei suoi sforzi ecologici, poiché molte grandi aziende di giocattoli stanno cercando di diventare più ecologiche dopo decenni di affidamento sulla plastica dannosa per l’ambiente nei loro prodotti e imballaggi. Trovare alternative alla plastica è fondamentale per affrontare il cambiamento climatico e l’adozione di marketing e prodotti “eco-friendly” è importante per le aziende poiché i consumatori sono sempre più consapevoli di come le loro scelte influiscano sul pianeta.

(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago