Riciclo e Rifiuti

Plastica, a Napoli dopo la tempesta quintali di rifiuti tornano a riva VIDEO

Condividi

Passata la tempesta dei giorni scorsi la marea ha riportato sulle coste napoletane quintali di rifiuti di plastica.


Il lungomare Caracciolo a Napoli è stato letteralmente sommerso da quintali di rifiuti plastici, portati a riva dalla mareggiata una volta passata le tempesta dei giorni scorsi.

Al momento sul lungomare sono all’opera, per la rimozione dei rifiuti, gli operatori del Comune.

Plastica, scoperta isola di rifiuti anche in Italia nel Mar Tirreno

Il fenomeno, che si ripete spesso in occasione del mare mosso, e’ stato accentuato dalla durata della cattive condizioni atmosferiche che da giorni interessano il capoluogo campano. L’intera spiaggia antistante la Rotonda Diaz e’ stata invasa da oggetti galleggianti tra i quali centinaia di bottiglie e grandi bidoni di plastica provenienti dalle vicine aree marine destinate alla mitilicoltura. Oltre alla raccolta fatta praticamente a mano o con l’aiuto di rastrelli si pone il problema – come segnalato dagli stessi operatori ambientali – dello smaltimento del consistente quantitativo di rifiuti per ora accantonato sui marciapiedi del lungomare.

Rifiuti, viaggio tra le acque del Sarno, il fiume più inquinato d’Europa. Costa: “Grave ma si può salvare”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago