Passata la tempesta dei giorni scorsi la marea ha riportato sulle coste napoletane quintali di rifiuti di plastica.


Il lungomare Caracciolo a Napoli è stato letteralmente sommerso da quintali di rifiuti plastici, portati a riva dalla mareggiata una volta passata le tempesta dei giorni scorsi.

Al momento sul lungomare sono all’opera, per la rimozione dei rifiuti, gli operatori del Comune.

Plastica, scoperta isola di rifiuti anche in Italia nel Mar Tirreno

Il fenomeno, che si ripete spesso in occasione del mare mosso, e’ stato accentuato dalla durata della cattive condizioni atmosferiche che da giorni interessano il capoluogo campano. L’intera spiaggia antistante la Rotonda Diaz e’ stata invasa da oggetti galleggianti tra i quali centinaia di bottiglie e grandi bidoni di plastica provenienti dalle vicine aree marine destinate alla mitilicoltura. Oltre alla raccolta fatta praticamente a mano o con l’aiuto di rastrelli si pone il problema – come segnalato dagli stessi operatori ambientali – dello smaltimento del consistente quantitativo di rifiuti per ora accantonato sui marciapiedi del lungomare.

Rifiuti, viaggio tra le acque del Sarno, il fiume più inquinato d’Europa. Costa: “Grave ma si può salvare”

Articolo precedenteAnimali, anche Parigi impone il divieto di esibizione nei circhi
Articolo successivoManovra 2020, tutti i bonus “green” per la tua casa