Rifiuti

Plastica, in Myanmar volontari costruiscono una libreria usando solo rifiuti

Condividi

Associazioni volontarie hanno costruito in Myanmar una biblioteca per i bambini orfani usando solo rifiuti di plastica.

I volontari hanno costruito una biblioteca per gli orfani a Yangon, in Myanmar, utilizzando rifiuti di plastica riciclata.

Plastica, c’è una scuola in India dove le lezioni vengono pagate consegnando rifiuti

Il progetto a Taikkyi, un quartiere nel nord della più grande città del Myanmar, è iniziato nel dicembre 2020 come impresa dell’ONG Clean Yangon. Utilizzando donazioni di rifiuti dalla comunità locale, il team ha realizzato mattoni ecologici riempiendo bottiglie di plastica con altri rifiuti di plastica.

I volontari speravano di accogliere i giovani lettori all’inizio del 2021, ma l’apertura è stata rimandata a tempo indeterminato dal colpo di stato del Myanmar.

 


In Myanmar, i sacchetti e le bottiglie di plastica scartati spesso riempionoi bordi delle strade e intasano gli scarichi.

Si stima che 119 tonnellate di rifiuti di plastica entrino ogni giorno nel fiume Ayeyarwady, rendendolo uno dei corsi d’acqua più inquinati del mondo, secondo un sondaggio condotto da Fauna & Flora International (FFI) e Thant Myanmar.

India, la startup edilizia che sfrutta l’inquinamento per combatterlo

La biblioteca non è l’unica iniziativa nel paese che mira a riciclare i rifiuti di plastica in materiali da costruzione.

La Badana Aid Foundation del Myanmar sta costruendo una scuola di mattoni ecologici nella cittadina di Hlaingthaya a Yangon. Dovrebbe essere terminato a luglio e avrà tre aule per ospitare fino a 90 alunni.

(Visited 31 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago