Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, dal Ministero Ambiente nuovo regolamento per eventi pubblici solo plastic free

Condividi

Plastica. “Lanciamo un altro piccolo ma importante segnale che sia da stimolo per molte realtà a trovare soluzioni alternative alla plastica monouso”. Così il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha annunciato la novità introdotta nel regolamento relativo alle richieste di patrocinio del Ministero dell’Ambiente per gli eventi pubblici.

Per ottenere il patrocinio del ministero dell’Ambiente, un evento dovrà essere ‘plastic free’, cioè privo di plastica usa e getta. Lo ha annunciato in un comunicato lo stesso ministro, Sergio Costa (M5S):  “Sì solo se eventi ‘Plastic Free’, il nostro logo diventerà un simbolo delle buone pratiche ambientali”.

Ambiente, Costa lancia ‘plastic free challenge’ e sfida fico e Di Maio

“Una scelta di continuità con il percorso intrapreso finora – ha spiegato il ministro – che ha visto l’eliminazione della plastica monouso dal Ministero insieme alla sfida lanciata e fortunatamente accolta da moltissime istituzioni e organizzazioni sia pubbliche che private”.

Ambiente, le 6 sfide dell’ecoprogramma di Sergio Costa

Adesso abbiamo deciso di fare un piccolo passo in più chiedendo che il nostro patrocinio diventi un simbolo “plastic free” ovunque sia visibile il nostro logo. Per questo motivo – ha concluso Costa –  d’ora in poi per ottenere il nostro patrocino sarà necessario seguire questa buona pratica eliminando la plastica dai propri eventi”.

Ambiente, i 15 obiettivi raggiunti dal ministro Sergio Costa

Gli interessati al patrocinio dovranno infatti compilare un apposito modulo di dichiarazione di essere assolutamente liberi dall’utilizzo di plastica monouso, pena il diniego del patrocinio e dell’utilizzo del logo Minambiente.

Terra dei Fuochi, Costa: “A tre mesi dal Piano d’azione i roghi sono diminuiti, ma non basta”

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago