Plastica, a Milano un’installazione per contrastare l’inquinamento marino

Plastica. Con la posa della prima bottiglia di plastica, nasce a Milano “Clean the Ocean Pavillon”.

Un gesto per sensibilizzare e costruire insieme a tutti i milanesi la prima installazione artistica collaborativa per contrastare la diffusione di plastica negli oceani.

“Un’installazione artistica che nasce dalla collaborazione di tutti i milanesi che, con un piccolo gesto,come quello di portare qui una singola bottiglia di plastica – ha commentato Tajani – possono concorrere a promuovere atteggiamenti e comportamenti virtuosi capaci di modificare le abitudini di tutti noi”.

Giappone, strage di cervi uccisi dalla plastica.”Turisti, non date loro snack”

Il progetto nasce dalla partnership tra Super – Scuola Superiore d’Arte Applicata del Comune di Milano e lo studio Thailande seall (zone),ed è promosso da Adidas e realizzato con il patrocinio di Palazzo Marino e la collaborazione di Coripet.

A sostegno dell’Installazione, anche il Reparto dei Giovani Adulti della Casa Circondariale Milano San Vittore “Francesco di Cataldo”, i cui i detenuti si sono impegnati a raccogliere le bottiglie consumate all’interno del Reparto.

Plastica, basta giochi nell’happy meal. Due bambine contro McDonald’s e Burger King

Chiunque può partecipare.

Fino al 16 luglio, tutti i cittadini potranno portare le loro bottiglie in Piazza del Cannone e partecipare così alla costruzione di questa installazione, trasformando il contenitore di liquidi più diffuso, la bottiglia di plastica, in un padiglione, simbolo dell’impegno nella lotta contro l’inquinamento.

Per l’occasione Super ha invitato uno dei più importanti collettivi artistici e di designer internazionali, allzone (studio Thailandese riconosciuto a livello mondiale e sensibile al tema della sostenibilità), a progettare la struttura: un grande labirinto concentrico composto da circa 19.000 bottiglie di plastica di ogni forma e dimensione, alcune anche riempite di piccole piante.

Super ha recuperato le prime bottiglie grazie ad una raccolta diffusa in tutta la città che ha coinvolto istituzioni, bar, hotel, palestre, condomini e liberi cittadini, invitandoli a conservare le proprie bottiglie per la costruzione dell’opera.

Ostia, Seabin il cestino “mangia plastica” ripulirà le acque portuali di Roma

“Clean the Oceans Pavilion” – spiegano – non è solo un’installazione ma anche un’occasione di confronto e dialogo sui temi della tutela dell’ambiente grazie ai workshop creativi curati dall’associazione culturale LopLop e dedicati ai più piccoli: ispirati alle opere realizzate da Veronika Richetrova, artista esponente della Pet Art, vengono realizzate sculture aeree a tema marino che assemblate creeranno un percorso immersivo sotto gli alberi.

Il progetto infatti, non si esaurisce con la fine dell’installazione il 16 luglio.

Le 19.000 bottiglie saranno riciclate e trasformate in nuove bottiglie da Coripet, consorzio riconosciuto dal ministero dell’Ambiente, che nasce con lo scopo di realizzare un vero progetto di economia circolare.

(Visited 87 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!