Roma

Plastica, Mediterraneo da remare fa tappa a Ostia

Condividi

Plastica. Una remata simbolica con i canoisti e canottieri della Lega Navale Italiana – Sezione Lido di Ostia, del Tognazzi Marine Village ASD e della Federazione Italiana Canoa e Kayak per promuovere l’uso di canoe e barche a vela e sensibilizzare al contrasto dell’inquinamento da plastica nei mari. È la tappa romana della manifestazione “Mediterraneo da remare 2019 #PlasticFree”.

 

Una campagna nazionale di sensibilizzazione alla tutela del Mare Nostrum, giunta quest’anno alla 9a edizione, promossa dalla Fondazione UniVerde, in collaborazione con Marevivo, con l’adesione della Guardia Costiera e con la partnership tecnica della Federazione Italiana Canoa e Kayak, con la main partnership di Castalia Consorzio Stabile S.C.p.A.

Media partner dell’evento: TeleAmbiente e GreenStyle.

L’ambizioso obiettivo di Mediterraneo da remare è quello di promuovere una riconversione e una rivoluzione culturale che possano guidare la collettività a ritornare in sintonia con Madre Terra, a partire dai piccoli gesti quotidiani.

“Plastic Free Boy”, il teenager in missione per salvare il mondo dalla plastica

La campagna si inserisce all’interno della sfida verso la bioeconomia circolare, puntando all’eliminazione delle plastiche monouso e soprattutto alla capacità di un riconnettersi ai cicli naturali e puntare verso l’azzeramento delle fonti fossili.

Plastic free, elenco completo delle spiagge che hanno detto addio alla plastica

Eventi itineranti lungo le coste italiane, tappe internazionali, remate simboliche in varie località balneari e in collaborazione con gli stabilimenti che segnaleranno, ai soggetti promotori, iniziative concrete per la tutela degli ecosistemi marini, lacustri e fluviali.

Le iniziative, che si svolgeranno nel corso dell’estate 2019, saranno prevalentemente dedicate a contrastare la dispersione delle macro e micro plastiche in mare, con lo slogan #PlasticFree, ma anche a rilanciare il focus “Acquascooter Free” promuovendo la mobilità a remi e la diffusione dell’uso delle canoe in luogo del noleggio di moto d’acqua.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago