Scienza e Tecnologia

McDonald’s sempre più green, meno plastica e più riciclo

Condividi

Plastica. McDonald’s accelera il processo di rimozione della plastica e di perfezionamento del riciclo degli imballaggi nei ristoranti di tutta Europa.

I test effettuati sui nuovi imballaggi rientrano nella piattaforma globale “Better M” della catena internazionale della ristorazione, che mira a generare impatti positivi per l’ambiente e per i clienti, e cominceranno in alcuni ristoranti europei e per essere estesi a tutto il continente.

Ad oggi, spiega la catena, il 100% degli imballi in carta che vengono utilizzati nei 600 ristoranti italiani, è certificato o riciclato.

Plastica, per Coca Cola è meglio riciclare le bottiglie che passare all’alluminio

Quest’anno inoltre, l’azienda ha intrapreso un percorso verso l’eliminazione della plastica monouso: da luglio le cannucce sono disponibile solo su richiesta per chi consuma nei ristoranti ed entro la fine del 2019 saranno sostituite le postate e il contenitore per l’insalata.

Ma non è tutto. L’azienda ha recentemente informato che saranno definitivamente eliminati, per chi consuma all’interno dei ristoranti, i tappi in plastica per le bevande fredde, così da risparmiare 210 tonnellate di plastica all’anno.

Novità anche sul fronte della raccolta differenziata. La rete di ristorazione fa sapere che collabora con le varie aziende che sul territorio si occupano dei servizi ambientali di gestione dei rifiuti.

Plastica, con RiVending nuova vita per bicchieri e palette del caffè

Obiettivo finale, coprire la totalità del territorio italiano.

Attualmente, il 78% degli imballaggi utilizzati a livello globale è ricavato da fibre, nei mercati europei è circa l’88% di tutti gli imballaggi mentre la plastica è solo il 12%.

Oltre ad eliminare la plastica e a ricercare materiali sostitutivi più sostenibili, McDonald’s si sta impegnando nel rendere i packaging che utilizza più semplici da riciclare e riutilizzare.

In Europa, McDonald’s ha raggiunto il proprio obiettivo per i materiali in fibra.

Entro il 2020, il 100% degli imballaggi destinati ai clienti, prevalentemente a base di fibre, proverrà da fonti di riciclo o certificate, per le quali non sarà prevista alcuna attività di deforestazione.

 

(Visited 203 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago