InquinamentoRifiuti

LEGO, i mattoncini resistono più di 1000 anni in mare prima di decomporsi

Condividi

Secondo uno studio dell’ Università di Plymouth un mattoncino LEGO è in grado di resistere fino a 1,300 anni in mare prima di decomporsi completamente.

Uno studio condotto dall’Università di Plymouth ha esaminato fino a che punto i mattoncini LEGO vengono consumati dall’ambiente marino: il risultato è che un mattoncino è in grado di resistere fino 1,300 anni in mare.

Lego compie 60 anni! La sostenibilità come nuova sfida: bioplastiche ecologiche per i mattoncini

La ricerca, pubblicata sulla rivista Environmental Pollution, si concentra sui mattoncini trovati sulle coste del South West England. Nell’ultimo decennio, le organizzazioni del Cornwall, tra cui Rame Peninsula Beach Care e il LEGO Lost at Sea Project hanno raccolto migliaia di mattoncini e altri pezzi di plastica durante la pulizia delle spiagge. Misurando la massa dei singoli mattoncini trovati sulle spiagge rispetto ai quelli conservati intatti, e prendendone in considerazione l’età, i ricercatori hanno stimato che questi oggetti siano in grado di durare tra i 100 e i 1,300 anni. Questo secondo gli scienziati serve a rinforzare il messaggio sul fatto che le persone debbano pensare attentamente a come gestiscono i propri rifiuti.

 

Per questo studio particolare sono stati raccolti 50 mattoncini realizzati con acrilonitrile butadiene stirene, che poi sono stati lavati e pesati nei laboratori dell’università. La composizione chimica di ogni blocco è stata ottenuta grazie ad uno spettrometro a raggi X, che ha confermato l’età dei singoli pezzi basandosi sulla presenza di alcuni elementi non più utilizzati. Facendo un paragone tra quegli articoli e set non trattati acquistati negli anni ’70 e ’80, i ricercatori sono stati in grado di identificare i livelli di usura e di conseguenza quanto tempo i pezzi potrebbero continuare a resistere nell’ambiente marino prima di rompersi definitivamente.

E’ l’odore della plastica a trarre in inganno le tartarughe

Lo studio è stato condotto dal Dottor Andrew Turner, professore di scienze ambientali, che in passato ha condotto studi sulle proprietà chimiche di oggetti finiti negli oceani: “I LEGO sono tra i giocattoli più famosi della storia e devono parte del loro successo anche alla loro durabilità. Sono creati specificatamente per essere utilizzati e confezionati quindi non ci sorprende che possano durare a lungo negli oceani. Tuttavia la loro durata potenziale ha sorpreso anche noi”.

 

E’ l’odore della plastica a trarre in inganno le tartarughe

I mattoncini che abbiamo testato si sono levigati e scoloriti, suggerendo che oltre a rimanere intatti possano anche rompersi in microplastiche. Questo sottolinea ancora una volta quanto sia importante disporre correttamente i propri rifiuti per evitare problemi potenziali all’ambiente”.

(Visited 48 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago