Plastica, liberare il mare attraverso un’alleanza tra pescatori. Manifesto di Federpesca

Federpesca presenterà il 6 maggio il proprio progetto innovativo di cura e salvaguardia del mare e delle sue risorse, contro l’inquinamento da plastica. Un “alleanza” tra i pescatori dei 22 paesi del Mar Mediterraneo, riassunti in un Manifesto sintetico, rivolto principalmente ai governi, affinché supportino, con leggi e risorse, i pescatori nel ruolo di “custodi del mare”.

Liberare il mare dalla plastica attraverso un’ “alleanza” tra i pescatori, sostenuti dai Governi, dei 22 Paesi del bacino Mediterraneo. E’ il programma espresso nel Manifesto promosso da Federpesca in collaborazione con Seeds&Chips, che verrà presentato il prossimo 6 maggio a Rho (Milano), in occasione della prima giornata del Global Food Innovation Summit.

Humans of Mediterranean – La generazione che ha curato il mare”  questo il titolo del Manifesto che Federpesca sta proponendo, in questi giorni, ad associazioni del settore nei 22 Paesi, enti di partenariato economico e sociale e dell’Unione Europea.

Tilos, la prima isola del Mediterraneo 100% rinnovabile

Giornata mondiale del Riciclo, i rifiuti sono una risorsa e l’economia circolare salverà il pianeta

Un documento composto da cinque gli articoli che si rivolge primariamente alla politica e ai governi. “Chiediamo alla politica ed ai governi di fare propria questa sfida, dandoci gli strumenti legislativi e le risorse per curare il mare, liberarlo dai rifiuti e tutelarlo attraverso un modello di sviluppo circolare in grado di creare valore condiviso”. Alla politica spetta, infatti, il compito di “creare il quadro normativo e di sostentamento adeguato” . Ma si tratta anche un appello all’intera società civile – cittadini, imprenditori, lavoratori, inventori, ricercatori, membri della comunità – affinché tutti si adoperino per dare il proprio contributo, ed “essere parte della soluzione e non del problema”.

Economia circolare, qual è la strada intrapresa dall’Italia?

Investire sull’economia circolare conviene, le 10 “proposte pratiche” di Legambiente

Campo d’azione il Mar Mediterraneo: ” ‘casa in comune’ per più di 500 milioni di esseri umani che vivono negli Stati che vi si affacciano” e che rappresenta il “il luogo ideale per implementare un progetto innovativo di salvaguardia dei mari e degli oceani, che riguarda tutta l’umanità.

Plastica, via libera del Consiglio dei Ministri al Ddl ‘Salva Mare’

Fishing for litter, Puglia. 1200 kg di rifiuti recuperati. Emiliano: “Proteggiamo il nostro mare dalla plastica”

Un progetto di salvaguardia, il cui programma è scritto nel titolo:”La generazione che ha curato il mare” perché, come si legge nel primo dei 5 articoli del testo: “E’ nostro dovere […] Dimostrare che potremo essere ricordati come ‘la generazione che ha curato il mare’, non come quella che lo ha distrutto“, invertendo la tendenza che per anni ha visto nei mari delle discariche naturali.  E al centro di tutto, i pescatori: “la più grande risorsa per prenderci cura della salvaguardia del mare” come recita il terzo articolo, che li definisce “agenti protagonisti del cambiamento, custodi del mare, simbolo di un futuro sostenibile, nel quale ‘produrre’ non equivalga a ‘distruggere'”.

(Visited 44 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diventa Green!