Attualità

Plastica, ecco come l’uomo sta distruggendo l’Isola di Sumatra. VIDEO

Condividi

Plastica“Sono qui sull’isola indonesiana di Sumatra, un paradiso vicino all’Oceano Indiano, e la spiaggia è una discarica di rifiuti plastici”. Mehulika Sitepu (BBC Indonesia) racconta in un video come un ristorante di proprietà di un politico locale sia il principale responsabile del riversamento di rifiuti sull’isola.

“Queste sono tutte le cannucce di plastica che abbiamo raccolto io e alcuni amici in 5 minuti. Gli indonesiani consumano 93 milioni di cannucce ogni giorno. Non c’è da sorprendersi del fatto che l’Indonesia sia la seconda produttrice di rifiuti plastici dopo la Cina e il ristorante responsabile di tutta questa plastica è di proprietà di un politico locale”, racconta Mehulika Sitepu.

Ecocannucce, campagna Marevivo. Risparmiate già 1 mil di cannucce in plastica

Balena morta in Indonesia. Ancora un’altra vittima della plastica

Plastica, Isola nel Pacifico sempre più grande. Un anno fa la terribile scoperta

100 milioni di tonnellate all’anno disperse in natura. Wwf: “urge Trattato globale”

“Visto quanta spazzatura scarica quel ristorante?” domanda Mehulika rivolgendosi al politico Nasi Gani che commenta:  “Si lo ammetto. Abbiamo fatto degli errori. La mattina ci sono le tartarughe qui,vengono e mangiano i rifiuti. Provo molta vergogna. Se guardi i giardini di quelle case laggiù, è una vergogna. Tutti quanti qui buttano la loro spazzatura nell’oceano”.

Tartaruga Caretta caretta ritrovata morta, la bocca strabordante di plastica

Coca Cola produce 3mln di tonnellate di plastica all’anno

L’Indonesia ha promesso di ridurre i rifiuti plastici del 75% entro il 2025 ma gli attivisti ribattono che sarà impossibile senza una maggiore consapevolezza pubblica.

 

(Visited 191 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago