InquinamentoRifiuti

Uovo cotto imballato nella plastica e altri imballaggi inutili: ma cosa ci passa per la testa?

Condividi

Avete mai visto un uovo cotto, imballato e pronto per essere mangiato? Esiste anche questo e la cosa ci sconvolge. L’immagine arriva dal Paraguay ma non è la prima volta che sul web circolano prodotti imballati singolarmente, frutta, verdura e non solo. Che cosa ci passa per la testa?

Ogni anno viene immessa nell’oceano una quantità di rifiuti di plastica compresa tra 4,8 a 12,7 milioni di tonnellate, e anche in Europa l’85% circa dei rifiuti marini rinvenuti sulle spiagge è di plastica (per il 43% di tratta di plastica monouso, per il 27% da attrezzi da pesca).

Plastica, sostanze tossiche nei beni di consumo quotidiani: dagli imballaggi ai giocattoli per bambini

Gli imballaggi dei prodotti generano più rifiuti di plastica di qualsiasi altra industria. Ma nonostante questo all’interno di supermercati spesso sono gli stessi consumatori a segnalare imballaggi che sono evidentemente esagerati rispetto alla merce che devono contenere. Le foto che girano sul web sono tante e per ultima quella di un uovo cotto, imballato e pronto per essere mangiato. Ma cosa ci dice la testa? 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Questo è quanto di più vergognoso e abietto abbia visto di recente! Riuscite a visualizzare un possibile acquirente di queste banane già sbucciate e piene di chissà quanti conservanti per poter essere sempre appetibili e vendibili? Bene, è così che ci vogliono! Non tralasciando l’abuso di #imballaggi di #plastica che le grandi catene continuano ad utilizzare come se non ci fosse nessuna emergenza mondiale in merito (d’altronde glielo consentono), il prossimo passo sarà di imboccarci, di imboccare gli automi che con cura e perseveranza stanno creando. O forse già lo stanno facendo. 🤬 #iononcisto #plasticfree #studiodinutrizioneebenessere #valentinapisapianutrizionista #Salerno #ilbenessereèunostiledivita #lanuovatradioneèunasanaalimentazione

Un post condiviso da Think Natural (@think_natural_valentinapisapia) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Have you ever spotted completely pointless packaging like this? Next time you see some, we want you to snap a pic and tag the brand responsible to help us shed light on this kind of ridiculous polluting behavior.⁠ Do you think this is unnecessary waste? Shouldn’t this be changed? ⁠ It is time corporations are held accountable for their polluting ways. . © @plasticpollutes 📷 taken at @albertheijn by @gras_vd_buren . Don’t forget to follow us @zeroxplastic 💚 Don’t forget to follow us @zeroxplastic 💚 . #eco #plasticfree #ecology #plastic #plasticpollution #ecosystem #ecoliving #ecodesign #plastics #plasticfreeliving #ecological #plasticsucks #plasticocean #plasticart #plasticpollutes #plasticbeach #noplastics #noplasticplease

Un post condiviso da Zero Plastic (@zeroxplastic) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quando l’imballaggio è davvero inutile #plasticfree #plasticpollution

Un post condiviso da Plastic Free (@plasticfreeit) in data:

Coolpaste, il dentifricio senza scatola e con un imballaggio 100% sostenibile

E intanto la Corte dei conti europea (ECA) lancia l’allarme: l’Europa non ricicla abbastanza imballaggi di plastica e rischia di mancare gli obiettivi che si è data. A partire dal 2021 la situazione può facilmente peggiorare.

L’ECA ha certificato che nel continente ogni anno viene bruciata negli inceneritori più plastica di quanta non ne venga effettivamente riciclata. Il motivo, secondo l’organismo di vigilanza, è la mancanza di strutture predisposte per il riciclo di questo materiale. Una condizione che mette fortemente a rischio il raggiungimento degli obiettivi europei, che fissano il tasso di riciclo per gli imballaggi di plastica al 50% entro il 2025 e al 55% alla fine del decennio.

(Visited 764 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago