Attualità

Plastica, come eliminare gli imballaggi? Utilizzando le foglie di banano

Condividi

Plastica. Il “Rimping”, un supermercato di Chiangmai, in Thailandia, ha trovato un modo naturale e innovativo per eliminare definitivamente gli imballaggi di plastica nelle confezioni di frutta e verdura pre-pesate in vaschette: usare le foglie di banano.

Al posto delle confezioni in PET, un supermercato thailandese ha deciso di usare come confezioni le foglie di banano per frutta e verdura.  Il “Rimping”, un supermercato di Chiangmai, in Thailandia, ha trovato quindi un modo del tutto innovativo per ridurre l’impatto della plastica nell’ambiente, oltre a ridurre i  costi del prodotto.

Plastica, Coca Cola produce 3mln di tonnellate di plastica all’anno

Plastica, negozi e ristoranti di Milano dicono addio al monouso

Plastica, Granarolo lancia la prima bottiglia di latte 20% riciclata

Nuova Zelanda, supermercati senza imballaggi. Il cibo è “nudo”

L’idea delle foglie di banano che fungono da contenitore per gli alimenti è diventato subito virale con oltre 11.000 condivisioni in meno di due giorni.

Carlsberg, arriva la soluzione anti  anelli di plastica

In Italia usare le stesse foglie non sarebbe possibile ma l’idea di sostituire la plastica con altri tipi di foglie, rametti,green, potrebbe essere una soluzione creativa ed efficace per intervenire su una delle più grandi emergenze ambientali dei nostri tempi.

(Visited 190 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago