AttualitàRifiuti

Plastica, Greenpeace denuncia l’Italia: “Sta ostacolando la direttiva europea sul monouso”

Condividi

Per l’associazione ambientalista Greenpeace il governo italiano starebbe colpevolmente ritardando l’attuazione della direttiva europea che proibisce la vendita di prodotti monouso di plastica.

Greenpeace – insieme a altre Ong quali ClientEarth, Ecos e Rethinking Plastic –  ha denunciato l’Italia in merito alla legge che recepisce la direttiva europea sulla plastica monouso. Secondo l’associazione ambientalista internazionale mentre l’Unione Europea vieta l’utilizzo di qualsiasi monouso, l’Italia cerca in tutti i modi di ritardare l’introduzione della legge, creando anche una legge ad ho che sostituirebbe la plastica biodegradabile con quella tradizionale.

Plastica monouso, dal 3 luglio scatta la messa al bando dell’Ue. Ma l’Italia continua a produrre troppi rifiuti

L’Italia doveva allinearsi alla nuova normativa comunitaria entro il 3 luglio, ma non lo ha fatto. In più, il parlamento ha approvato nei mesi scorsi una legge di delegazione europea che è in netto contrasto con la direttiva dell’Ue, promuovendo le plastiche biodegradabili quando l’Europa chiede di abolire ogni plastica monouso. Dopo numerosi appelli (ignorati) al ministro della Transizione Ecologia Roberto Cingolani, le Ong indirizzano così un reclamo ufficiale alle autorità europee.

 


“L’Italia sembra preferire di gran lunga una finta transizione ecologica” si legge nel comunicato apparso sul sito di Greenpeace. “Per andare oltre la plastica va evitata la sostituzione e incentivato il riutilizzo dei materiali”. Secondo gli studi scientifici citati dall’Ong, infatti, la decomposizione cosiddetta bioplastica è molto più difficile di quanto si pensi: occorrono delle condizioni specifiche di temperatura e microrganismi. Di conseguenza, è più la quantità di plastica bio che finisce in mare che quella che la natura riesce a smaltire.

Stop alla plastica monouso, Marevivo: “Vittoria! La notizia arriva alla vigilia dell’Earth Day”

 


Sul profilo Twitter di Greenpeace interviene anche il responsabile della Campagna Inquinamento di Greenpeace Italia Giuseppe Ungherese: “Le spiagge italiane del futuro saranno ricoperte di rifiuti di plastica”, dice, specificando che “servono azioni urgenti da parte di aziende e governi per lasciarci alle spalle l’era della plastica monouso”.

 

 

 

 

(Visited 46 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago