Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, un foca realizzata con rifiuti raccolti in spiaggia

Condividi

Una scultura a grandezza naturale di una foca con il suo picco è stata creata su una spiaggia dell’Essex, in Inghilterra, usando solo i rifiuti raccolti sulla spiaggia stessa

Questa statua di una foca con il suo piccolo torreggia a guardia della spiaggia di Walton-on-the-Naze, nel sud dell’Inghilterra, proprio di fronte alle coste francesi.

La particolarità è che la statua è interamente formata dai rifiuti raccolti sulla spiaggia stessa.

La foca di spazzatura, chiamata Poly (da polistirene) è stata “scolpita” da un artista locale ed è stata presentata al pubblico sabato scorso.

L’arte si schiera contro la plastica: a Venezia arrivano le “Twin Bottles”

La creatrice dell’opera, Sue Lynas, che è solita usare rifiuti di varia provenienza per i suoi lavori, racconta di essere stata contattata da un gruppo di ambientalisti locali che le hanno chiesto “se poteva creare qualcosa con tutta questa plastica“.

Ma quello che vedete qui è solo la punta dell’iceberg” spiega la Lynas.

L’artista ha raccontato che la maggior parte dei rifiuti raccolti sulla spiaggia erano scarti plastici – compreso un dinosauro giocattolo, una gamba di una Barbie, svariati cotton fioc – e alcuni di questi oggetti avevano più di 20 anni.

Da una parte questo è positivo, infatti abbiamo trovato pochissime bottiglie di plastica. Questo significa che il messaggio sta arrivando alle nuove generazioni“.

Tartaruga liberata dalla plastica: non riusciva più ad immergersi VIDEO

La scultura fa parte delle attività della Settimana della Consapevolezza Marina, organizzata dagli enti locali della città, e verrà mostrata alle scuole locali e ad altri eventi in giro per lo stato dell’Essex.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago