Rifiuti

Plastica, un flacone di detergente risalente a 50 anni fa ritrovato in mare

Condividi

Ripescato un flacone di detergente in plastica risalente a 50 anni fa: il prodotto è infatti uscito dal commercio negli anni ’70. Si tratta di un’altra dimostrazione dei danni ambientali che può causare questo materiale: può arrivare fino anche a 500 anni per degradarsi.

Un ritrovamento che dimostra come l’inquinamento legato alla plastica è una tra le emergenze più impellenti:  un vecchio flacone verde del Polivetro Sidol, un prodotto molto in voga tra gli anni Cinquanta e Settanta è stato ripescato nel porto di Ancona completamente intatto.

Bali, spiagge sommerse dalla plastica. Cosa sta succedendo?

Pubblicizzato già a partire dalla seconda metà degli anni ’60 su Carosello, il detergente è uscito di produzione sul finire degli anni’70 e, da lì in poi, si erano perse le tracce di questo marchio commerciale prima del ritrovamento. A darne la notizia l’associazione Garbage Group.

La plastica è anche “capsula del tempo”, probabilmente la peggiore e più pericolosa di sempre – ha dichiarato Paolo Baldoni CEO di Garbage Group – proprio a causa della sua particolarissima durabilità. Ritrovare un flacone come questo a chi, come me, ha qualche capello bianco può sembrare assurdo, ma la cosa ancora più grave è che un prodotto di questo genere può resistere tra i 400 e 500 anni in mare. Fermo restando che al momento è difficile capire, senza approfondite analisi, da quanto tempo questo contenitore era in acqua, la cosa che più colpisce è come l’inquinamento da plastiche si ha sempre e solo a causa del mancato corretto conferimento e conseguente riciclo.

L’inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli nel deserto di Dubai

Arginare e controllare questo fenomeno è un dovere morale per ognuno di noi. Continuando di questo passo e senza le adeguate accortezze gli archeologi del futuro baseranno il loro lavoro su ritrovamenti di questo genere, un lavoro ingrato e che mal qualificherebbe questa nostra generazione che può, con le adeguate tecnologie porre fine a questo scempio”.

È questa un ulteriore dimostrazione dei danni ambientali che può causare questo materiale: la plastica può richiedere infatti anche 500 anni per potersi degradare in natura. Un detergente che è uscito di produzione verso la fine degli anni Settanta ma che ha lasciato traccia di sé attraverso il proprio involucro di plastica.

 

(Visited 78 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago