Ripescato un flacone di detergente in plastica risalente a 50 anni fa: il prodotto è infatti uscito dal commercio negli anni ’70. Si tratta di un’altra dimostrazione dei danni ambientali che può causare questo materiale: può arrivare fino anche a 500 anni per degradarsi.

Un ritrovamento che dimostra come l’inquinamento legato alla plastica è una tra le emergenze più impellenti:  un vecchio flacone verde del Polivetro Sidol, un prodotto molto in voga tra gli anni Cinquanta e Settanta è stato ripescato nel porto di Ancona completamente intatto.

Bali, spiagge sommerse dalla plastica. Cosa sta succedendo?

Pubblicizzato già a partire dalla seconda metà degli anni ’60 su Carosello, il detergente è uscito di produzione sul finire degli anni’70 e, da lì in poi, si erano perse le tracce di questo marchio commerciale prima del ritrovamento. A darne la notizia l’associazione Garbage Group.

La plastica è anche “capsula del tempo”, probabilmente la peggiore e più pericolosa di sempre – ha dichiarato Paolo Baldoni CEO di Garbage Group – proprio a causa della sua particolarissima durabilità. Ritrovare un flacone come questo a chi, come me, ha qualche capello bianco può sembrare assurdo, ma la cosa ancora più grave è che un prodotto di questo genere può resistere tra i 400 e 500 anni in mare. Fermo restando che al momento è difficile capire, senza approfondite analisi, da quanto tempo questo contenitore era in acqua, la cosa che più colpisce è come l’inquinamento da plastiche si ha sempre e solo a causa del mancato corretto conferimento e conseguente riciclo.

L’inquinamento da plastica ha ucciso centinaia di cammelli nel deserto di Dubai

Arginare e controllare questo fenomeno è un dovere morale per ognuno di noi. Continuando di questo passo e senza le adeguate accortezze gli archeologi del futuro baseranno il loro lavoro su ritrovamenti di questo genere, un lavoro ingrato e che mal qualificherebbe questa nostra generazione che può, con le adeguate tecnologie porre fine a questo scempio”.

È questa un ulteriore dimostrazione dei danni ambientali che può causare questo materiale: la plastica può richiedere infatti anche 500 anni per potersi degradare in natura. Un detergente che è uscito di produzione verso la fine degli anni Settanta ma che ha lasciato traccia di sé attraverso il proprio involucro di plastica.

 

Articolo precedenteCambiamento climatico, il 2020 l’anno più caldo mai registrato al mondo
Articolo successivoDeposito rifiuti nucleari, come si procederà dopo la pubblicazione del CNAPI? Facciamo chiarezza