Riciclo e RifiutiTerritorio

Plastica, un fiume di rifiuti a Santo Domingo. L’appello dei residenti: “Aiutateci!” VIDEO

Condividi

Tonnellate e tonnellate di rifiuti che scendono verso il mare, un intero fiume di Santo Domingo, il Lebron, ricoperto di plastica, e l’appello affidato alla rete dell’autore del video: “Aiutateci”.


Tonnellate di immondizia, un fiume di plastica che sembra non finire mai e che si muove veloce trascinato dalla corrente verso il mare: è quello che si vede nel video ripreso da un cittadino di Santo Domingo.

Rifiuti, un mare di plastica nel Mediterraneo VIDEO SHOCK

L’uomo inquadra il fiume Lebron, situato tra il comune di Pedro Brand e Los Alcarrizos, da un ponte e mostra una incredibile quantità di plastica che percorre diversi chilometri e finisce per immettersi nel fiume Isabela, quindi nell’Oceano.

Plastica, anche il Palazzo di Vetro dell’Onu diventa Plastic Free

Le forti piogge registrate nel Paese hanno smosso i rifiuti, costituiti soprattutto da plastica. Il cittadino, oltre a documentare la situazione, invita la comunità a non continuare a depositare immondizia nelle vicinanze del fiume, parla di incoscienza e disattenzione e chiede una risposta alle autorità competenti per lavori di drenaggio e pulizia del fiume.

Plastica, 414 milioni di rifiuti in un’isola di soli 600 abitanti VIDEO

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago