Attualità

Plastica, incendio in una fabbrica nel pescarese. Allarme per l’alta nube nera

Condividi

Plastica. Intorno alle 6 di questa mattina, un grande incendio si è sviluppato a Villanova di Cepagatti (Pescara).

Ad andare a fuoco in Via Pignatelli, una fabbrica che si occupa della lavorazione di materiale plastico ed edile.

Visibili a grande distanza le fiamme ed il fumo, ma fortunatamente non ci sono stati feriti.

Diverse le squadre dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Pescara e dei Distaccamenti di Alanno (Pescara) e Pescara Aeroporto, che da diverse ore stanno operando per spegnere i focolai e bonificare l’area interessata dalle fiamme.

Plastica addio, arriva la rivoluzione grafene. Come cambierà il nostro mondo?

L’intervento immediato ha evitato che le fiamme si estendessero ulteriormente, anche se la vastità dell’area interessata dalle fiamme e la presenza di plastica in grandi quantità, non aiuta le operazioni e il lavoro delle squadre dei Vigili del Fuoco che stanno utilizzando anche gli schiumogeni.

Plastica, in Thailandia entra in vigore il divieto: basta buste monouso

Nella zona del rogo sono presenti anche i tecnici dell’Arta Abruzzo oltre ai carabinieri del Comando Provinciale di Pescara, coordinati dal tenente Giovanni Rolando.

Plastica, due scienziate la trasformano in prodotti chimici riutilizzabili VIDEO

Gli inquirenti, sulle cause dell’incendio, al momento tengono aperte tutte le piste.

Solo dopo la messa in sicurezza della fabbrica e la bonifica, e dunque un sopralluogo dei tecnici, si potrà avere un quadro più chiaro della situazione.

Allarme fra i residenti della zona per la densa colonna di fumo visibile fino a diversi chilometri di distanza già dall’alba.

(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago