AttualitàInquinamento

VeryFastPeople lancia una campagna per liberare i condomini dalla plastica

Condividi

Offrire supporto agli amministratori di condominio di tutta Italia per la progressiva eliminazione della plastica e la sua sostituzione con materiali alternativi anche all’interno dell’ambiente domestico e condominiale. È l’obiettivo della Campagna green di VeryFastPeople, società di consulenza di Varese.

La plastica è ovunque e riciclare non basta, per fare la differenza bisogna usare meno plastica soprattutto quella monouso.

Oltre il 40% della plastica prodotta viene utilizzata soltanto una volta e poi gettata via.

A pagare il prezzo più alto sono i milioni di pesci, tartarughe e uccelli marini che ogni anno perdono la vita inghiottendone i frammenti o rimanendone intrappolati.

Ogni anno 8 milioni di tonnellate di plastica sono riversate negli oceani.

Se filtrassimo tutte le acque salate del mondo si scoprirebbe che ogni chilometro quadrato di mare contiene circa 46.000 particelle in sospensione.

Ue raggiunge accordo sul clima. Taglio 55% emissioni entro il 2030 e neutralità nel 2050

Stiamo vivendo in un mondo inquinato, mangiando cibo e bevendo acqua contaminata che, accumulandosi nei tessuti, causerà danni a fegato e reni, tumori, disfunzioni del sistema riproduttivo e alterazioni di quello immunitario e ormonale.

“Possiamo fare a meno della plastica usa e getta, o comunque usarne in minor quantità – spiega Francesco Paini, uno dei tre soci di VeryFastPeople.

Per Paini, “considerando che non abbiamo un pianeta di riserva, non abbiamo solo l’ obbligo di provarci, abbiamo il dovere di riuscirci. Poiché seriamente convinti di avere un canale prioritario per entrare nelle case degli Italiani abbiamo cercato di trasmettere questo messaggio ai nostri clienti, perché chiunque può fare la differenza e portare il proprio contributo all’interno dei Condomini.”

Per sensibilizzare i cittadini e raggiungere il suo obiettivo, VeryFastPeople ha realizzato un video che racconta tutta la storia della Terra in 24 ore ipotetiche, dove la plastica, protagonista per meno di un secondo, ha messo a rischio un intero pianeta.

Seguendo la Campagna #VeryGreenPeople  sui social, è possibile scoprire tanti consigli interessanti.

In ufficio ad esempio, sarebbe meglio utilizzare bicchieri in vetro o biodegradabili, matite in grafite riciclata invece delle biro, utilizzare spazzolini biodegradabili in bambù.

In condomino invece, si potrebbe installare una Casa dell’Acqua, che eroga in media 2500 litri al giorno, con una riduzione giornaliera di 1700 bottiglie di plastica e un risparmio annuo di oltre 300 euro per famiglia.

Friends for the Earth, la web community che connette i protagonisti della Green Economy nel mondo

Consigli pratici e reali che VeryFastPeople ha adottato nella sua quotidianità, scegliendo di eliminare la plastica dagli uffici, sostituendo le bottiglie in PET con quelle in vetro e utilizzando solo stoviglie in ceramica, acciaio o Mater-Bi.

E ancora: le brochure aziendali sono rivestite con un materiale completamente biodegradabile e per i gadget distribuiti durante convegni e fiere sono stati scelti materiali ecologici come carta riciclata, sughero, fibre tessili naturali, legno, bambù.

Anche le vecchie divise indossate dalle hostess durante eventi e congressi sono state sostituite con un abbigliamento ecofriendly: maglie e pantaloni in cotone organico e scarpe Adidas Parley realizzate con la plastica raccolta dagli oceani.

Una scelta che si riflette anche nei regali aziendali: lo scorso Natale ogni dipendente ha ricevuto una borraccia in acciaio inox personalizzata con il proprio nome; mentre per il compleanno di VeryFastPeople, lo staff ha adottato a distanza 3 tartarughe marine e 3 alberi tropicali (caffè, cacao, peperoncino).

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago