Inquinamento

Plastica, una compagnia assume ex detenuti per riciclare rifiuti VIDEO

Condividi

Per portare avanti i propri obiettivi sul riciclo della plastica Brightmark ha dato vita ad una partnership con RecycleForce, una compagnia che assume ex detenuti per renderli parte della creazione di un nuovo mondo sostenibile.

Brightmark, una compagnia di San Francisco che si occupa di riciclare i rifiuti di plastica, ha creato un nuovo progetto per riciclare la plastica e creare “gas naturali rinnovabili” dagli scarti alimentari e agricoli.

Coronavirus, tre storie di chi con un piccolo gesto sta aiutando il prossimo

Ma la compagnia ha iniziato anche a collaborare con RecycleForce, che oltre a riciclare la plastica e materiali elettronici, lavora per migliorare la vita delle persone, aiutando gli ex-detenuti verso il ritorno alla società. “Il nostro obiettivo principale non è riciclare. La nostra missione è quella di fornire alle persone che escono di prigione formazione e assistenza per poi fornirgli un lavoro” ha spiegato Andrew King, direttore del programma “E lo facciamo attraverso il riciclo”.

Plastica, avviata al Senato iniziativa bipartisan per riciclo bottiglie di Pet

Molti ex detenuti, intenzionati a tornare in società, hanno difficoltà a trovare lavoro e questo spesso li riporta sulla strada sbagliata. Per questo motivo il lavoro di RecycleForce è così importante e i risultati parlano da soli: solamente il 23% dei partecipanti al programma commette nuovamente crimini, in contrasto con la media nazionale del 70%. “RecycleForce mi ha dato una scelta, e ho scelto RecycleForce rispetto alla strada. Credo che questo mi abbia salvato la vita, ecco perché sono qui oggi” ha spiegato il responsabile del magazzino Robert Smith.

Molte persone non sanno che il 91% dei rifiuti di plastica negli Stati Uniti finisce nelle discariche ogni anno. Gran parte della ragione per cui questo accade e che spesso differenti tipi di plastica vengono messi insieme; per separarli è necessaria una gran quantità di tempo ed è difficile trasformare questi rifiuti in qualcosa di riutilizzabile. Il programma di riciclo di Brightmark funziona rompendo la plastica fino al punto da farla diventare gasolio o prodotti in cera.

Il prossimo impianto di Brightmark, che aprirà ad Indianapolis il prossimo anno, sarà l’epicentro della partnership con RecycleForce. Il tutto per rispettare l’impegno di convertire 8.4 milioni di tonnellate di plastica dalle discariche e dall’ambiente e di compensare 22 milioni di tonnellate di gas ad effetto serra prodotti annualmente.

Rifiuti, il 40% del materiale riciclabile finisce lo stesso in discarica

Negli ultimi due anni Brightmark ha più che triplicato il suo staff, raccolto 150 milioni di dollari in investimenti nei suoi progetti e acquisito tecnologia che consentirà di creare un’economia circolare per le plastiche riciclate, il tutto investendo nelle risorse più trascurate dalla società: le persone.

(Visited 69 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago