AnimaliRifiuti

Plastica, ciclista salva un cane con la testa incastrata in una bottiglia: la gioia incontenibile dell’animale

Condividi

Un povero cane ha rischiato di morire dopo essere rimasto incastrato con la testa in una bottiglia di plastica. Fortunatamente due ciclisti sono riusciti a liberare il cane, che si è lasciato andare a una dimostrazione di gioia interminabile.

Qualcuno dice che la gratitudine non è di questo mondo. Forse può essere vero per gli esseri umani, ma gli animali, soprattutto i cani, sono ancora capaci di dimostrare riconoscenza verso i loro salvatori.

L’esempio più recente viene da questo cane randagio, che ha rischiato di morire con la testa incastrata in una bottiglia di plastica. Probabilmente il povero animale ha infilato la testa alla ricerca di qualcosa di buono da mangiare, ma non è più riuscito a tirarla fuori.

Animali, sequestrato canile abusivo: cani lasciati in catene tra i rifiuti

La sua buona sorte ha voluto che un gruppo di ciclisti passasse di lì proprio in quel momento e, in un gesto di umana pietà, si siano fermati a salvare l’animale, attirati dai suoi guaiti disperati, come dimostra il video caricato su twitter.

 


Il video si apre mostrando un uomo mentre cerca di rimuovere una bottiglia di plastica dalla testa del cane, presto raggiunto dai suoi compagni. Nel frattempo, il cane rimane seduto pazientemente, probabilmente nella speranza che il suo calvario finisca.

Animali, salvati quattro cuccioli di riccio da un “nido” di rifiuti di plastica: stavano per soffocare

Nel momento in cui la testa del cane viene liberata dalla bottiglia di plastica, l’animale reagisce con eccitazione, scodinzolando e andando incontro suoi soccorritori. Felice di essere finalmente libero, il cane corre in giro e salta a leccare gli umani per mostrare la sua gratitudine.

(Visited 175 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago