Territorio

Capodoglio, ecco la plastica che l’ha ucciso. Biologo: “Oggetti comuni letali anche per un animale di 10 metri”. VIDEO

Condividi

Plastica. La notizia del Capodoglio spiaggiato a Porto Cervo il 28 Marzo ha fatto il giro del mondo. La scoperta è stata comunicata su Facebook da Luca Bittau della onlus SeaMe. Nel video il biologo marino mostra i rifiuti plastici che hanno ucciso l’animale. Il messaggio: “Questo per farvi capire come un semplice oggetto di uso comune può creare problemi anche a un animale lungo dieci metri”.

“La notizia del Capodoglio spiaggiato a Porto Cervo il 28 Marzo ha fatto letteralmente il giro del mondo” – commenta la SEAME Sardinia sulla pagina Facebook –  Non ci aspettavamo una eco di tali dimensioni. Crediamo che nella tragicità dell’evento ci sia un evidente aspetto positivo: la consapevolezza nei confronti di queste tematiche è aumentata. Per questo vogliamo continuare a raccontarvi questa storia, continuare a sensibilizzare su questo argomento per avere un impatto reale sui nostri comportamenti quotidiani nel rispetto dell’ambiente. In questo video Luca ci mostra gli oggetti ritrovati nello stomaco del capodoglio. E ci ricorda cosa possiamo fare per rispettare e migliorare il mondo in cui viviamo”.

🇮🇹 La notizia del Capodoglio spiaggiato a Porto Cervo il 28 Marzo ha fatto letteralmente il giro del mondo. Non ci…

Pubblicato da SEAME Sardinia su Martedì 2 aprile 2019

Trovati  nello stomaco di una giovane femmina di capodoglio di otto metri, morta giovedì 28 marzo sulla spiaggia di Cala Romantica, Porto Cervo, 22 kg di plastica. La scoperta è stata comunicata su Facebook da Luca Bittau della onlus SeaMe.

Ecco un aggiornamento di Luca Bittau che in questo momento si trova nelle campagne di Arzachena, dove il capodoglio spiaggiato nei giorni scorsi a Porto Cervo è stato spostato per poter effettuare la necroscopia. Dai primi accertamenti sono emerse due drammatiche verità.

Pubblicato da SEAME Sardinia su Sabato 30 marzo 2019

Nella pancia di un capodoglio femmina, lungo circa otto metri, sono stati trovati, come spiega Luca Bittau della onlus SeaMe, “tubi corrugati e anche dei sacchetti dove è ancora possibile leggere il codice a barre. Siamo rimasti tutti un po’ sgomenti nel vedere tutta questa plastica dentro lo stomaco di questo animale. Sicuramente rappresenterà un monito per quello che noi stiamo facendo a questi animali, al nostro mare e a noi stessi”.  Il cetaceo è stato ritrovata morto giovedì 28 marzo nella spiaggia di Cala Romantica, a Porto Cervo.

Capodoglio spiaggiato a Murcia 

Plastica, il Parlamento europeo dice basta dal 2021

Plastica, ancora un’altra vittima. Balena morta nelle Filippine. FOTO

CAPODOGLIO UCCISO DALLA PLASTICA

Un capodoglio è morto spiaggiato a Porto Cervo, in Sardegna. Nel suo stomaco sono stati trovati chili di plastica. Il servizio di Paolo Mastino per il Tg3 delle 19 del 30 marzo 2019

Pubblicato da Tg3 su Sabato 30 marzo 2019

Ponza, balena spiaggiata. Altra vittima dell’inquinamento 

La femmina di capodoglio, portatrice di un feto di due metri e mezzo abortito, ha scambiato il materiale ingerito per cibo rimanendo denutrita e disidratata. La scoperta è stata fatta dai veterinari dell’ Istituto Zooprofilattico di Sassari e della Facoltà di Veterinaria di Padova. Gli stessi scienziati impegnati nell’esame della carcassa sono rimasti impressionati nel trovare tanta plastica (22 kg) nello stomaco del capodoglio.

Plastica, rischi per le specie selvatiche. Dati Wwf 2o18 

Balena morta in Indonesia. Continuano le vittime dell’inquinamento

L’associazione Sea Me Sardinia onlus ha lanciato l’allarme alla luce di quanto accaduto. Il quantitativo di plastica ritrovato nell’apparato digerente del cetaceo era praticamente intatto e la proporzione tra le dimensioni dell’animale e la plastica ingerita è particolarmente significativa, solitamente ritrovata all’interno di animali più grandi dell’esemplare analizzato.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago