Attualità

Plastica, buste che sembrano coralli e alghe. Il VIDEO CHOC girato nelle isole Cicladi

Condividi

A primo impatto potrebbero sembrare coralli, alghe o anemoni, ma sono invece buste di plastica. Siamo nelle isole Cicladi, in Grecia. Il video choc è stato girato nei giorni scorsi da alcuni subacquei al largo dell’isola greca di Andros.

L’inquinamento e la plastica sta distruggendo uno dei paesaggi marini più belli al mondo. Sono sconvolgenti le immagini girate dai sub volontari dell’associazione ambientalista Aegean Rebreath, e poi ripreso da Repubblica, nei fondali di Andros, un’isola che fa parte dell’arcipelago greco delle Cicladi.

Scoperta l’unica barriera corallina nel Mediterraneo

Un vero e proprio golfo pieno di coralli di plastica. I rifiuti in fondo al mare al largo di Andros risalirebbero al 2011, quando le piogge torrenziali hanno causato il crollo di un sito di smaltimento rifiuti.

Il Mediterraneo è tra i mari con i livelli di inquinamento da plastica più alti al mondo, secondo un recente rapporto del WWF.

660mila tonnellate di rifiuti  finiscono nel Mar Mediterraneo

La Grecia produce oltre 700.000 tonnellate di rifiuti di plastica ogni anno; circa 11.500 tonnellate finiscono nei suoi mari, quasi il 70% ritornano invece sulle sue coste.

Rifiuti nel Mediterraneo VIDEO SHOCK

I rifiuti in fondo al mare al largo di Andros risalirebbero al 2011, quando le piogge torrenziali hanno causato il crollo di un sito di smaltimento rifiuti.

(Visited 295 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago