Rifiuti

Plastica, attivista crea un applicatore di assorbenti gigante fatto tutto di rifiuti

Condividi

L’attivista Ella Daish ha creato un gigantesco tampone per assorbenti fatto tutto di applicatori trovati nelle spiagge e negli oceani, come protesta per l’uso smodato degli oggetti di plastica a uso singolo.

L’attivista ambientale Ella Daish ha creato un gigantesco applicatore per tamponi come parte di una protesta contro la plastica monouso.

Il pezzo è realizzato con rifiuti trovati nelle spiagge inquinate, nei corsi d’acqua ed ecosistemi locali nel Regno Unito. Daish ha utilizzato 1.200 applicatori provenienti da 15 diverse località in tutto il paese.

Degli applicatori in plastica raccolti per il progetto, l’87,5% proveniva da un marchio, Tampax. Il pezzo finale lungo 1,8 m è realizzato interamente con gli applicatori del marchio, per creare qualcosa che l’azienda “non poteva ignorare”.

 


Oltre a questo  pezzo d’arte di protesta,la Daish ha anche scritto una lettera aperta a Tampax chiedendo loro di eliminare completamente gli applicatori di plastica dai loro prodotti.

La lettera è stata sostenuta e firmata da oltre 40 gruppi, politici e attivisti, inclusi membri del Partito dei Verdi, Surfers Against Sewage e Marine Conservation Society.

Clean Up The Med, raccolte più di 13 tonnellate di rifiuti. L’80% è plastica

La campagna di Daish, #EndPeriodPlastic, ha già incoraggiato con successo tre rivenditori britannici a rinunciare agli applicatori di plastica. Aldi, Sainsbury’s e Superdrug hanno risposto al movimento rimuovendo i tamponi di plastica monouso dai loro scaffali.

 


Finora Tampax ha risposto alle richieste tramite una serie di tweet. Il marchio afferma che uno dei suoi “obiettivi principali” è ridurre il suo impatto sul pianeta.

Attualmente, afferma, i suoi prodotti sono realizzati in un impianto a impatto zero, utilizzando energia eolica sostenibile, ma l’azienda riconosce che “c’è ancora molto da fare”.

Ho incontrato Tampax a maggio 2019 e nonostante sia un gigante dell’industria del ciclo del Regno Unito, non hanno apportato alcuna modifica. Questo è abbastanza grave “, dice Daish.

Usano le stesse scuse nelle loro e-mail che mi inviano come su Twitter. Una delle scuse preferite di Tampax è che non dicono alle persone di lavare i loro prodotti “.

 


Questi pezzi di plastica vengono spesso utilizzati solo per un paio di secondi prima di essere gettati via e possono volerci secoli per disfarsi. La maggior parte degli applicatori in plastica non può essere riciclata.

L’Institution of Environmental Science stima che circa 2,5 milioni di tamponi vengano smaltiti ogni giorno nel bagno nel Regno Unito. Se le acque reflue vengono rilasciate nell’ambiente, ciò significa che gli applicatori di plastica arrivano fino agli ecosistemi acquatici.

Plastica, sostanze tossiche nei beni di consumo quotidiani: dagli imballaggi ai giocattoli per bambini

Ho perso il conto delle immagini che le persone mi hanno inviato di applicatori che inquinano le loro spiagge, dalle isole della Scozia alle coste della Cornovaglia e ai corsi d’acqua in città come Londra e Southampton“, dice Daish.

Sia che entrino nell’ambiente, che vengano inceneriti o inviati in discarica, stanno senza dubbio avendo un enorme impatto negativo sul pianeta, qualcosa deve cambiare“.

(Visited 32 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago