Scienza e Tecnologia

Plastica, al via il progetto per ripulire i fiumi di Bali VIDEO

Condividi

Make a Change, insieme ad altre start up, ha lanciato il progetto Sungai Watch per installare delle catene che catturano la plastica nei fiumi di Bali, da anni l’isola più inquinata del mondo.


Make A Change ha lanciato, insieme alla startup Plastic Fisher, il Sungai Watchproject che installerà cento“plastic booms”, delle catene che catturano la plastica nei flussi di acqua di Bali.

Plastica, il sistema dell’Ocean Cleanup per ripulire gli oceani funziona

Negli ultimi anni, Bali è stata definita “l’isola della spazzatura del mondo”, da quando un tuffatore britannico si è filmato in uno dei punti di immersione più iconici dell’isola completamente circondato dalla plastica. Nel dicembre 2018, il governo balinese ha dichiarato l’emergenza ambientale.

“Sungai Watch è il nuovo progetto di Make A Change che mira a risolvere il problema in quelli che sono i condotti per l’inquinamento della plastica, i nostri fiumi. Negli ultimi dieci anni, abbiamo lanciato delle iniziative in alcune dei fiumi più inquinati nel mondo e abbiamo visto in prima persona l’urgente necessità di agire. Quindi per celebrare dieci anni di duro lavoro, siamo contenti di tornare lì dove tutto ha avuto origine, Bali” ha spiegato Gary Bencheghib, fondatore di Make A Change.

BALENA MORTA IN INDONESIA. ANCORA UN’ALTRA VITTIMA DELLA PLASTICA

Con il supporto di Bintang, Make a Change ha lanciato le prime tre catene negli affluenti del fiume Ayung, il più grande flusso di acqua di Bali. Le catene verranno installate nelle prossime settimane e seguirà una campagna interattiva educazionale che mira ad aumentare la consapevolezza sull’importanza di non gettare la plastica nei fiumi.

Le catene sono costruite da Plastic Fischer, una start up tedesca creata da Georg Baunach, KarstenHirsch e Moritz Schulz. Lo scopo è di intercettare la plastica nei fiumi con degli strumenti tecnologici. Negli ultimi cinque mesi hanno creato soluzioni per la raccolta rifiuti a Java, incluso i primi trash booms nel fiume Citarum.

 


“Abbiamo inventato delle trash booms composte da materiali locali per fornire una semplice ed efficiente soluzione per la raccolta dei rifiuti. Sono facili da assemblare e da mantenere nel tempo”

Due anni fa, Gary e suo fratello Sam hanno attraversato in canoa il fiume Citarum in Indonesia, conosciuto per essere il fiume più inquinato nel mondo. La loro spedizione ha convinto il presidente indonesiano Jokowi a pulire il fiume. A seguito della loro spedizione, l’Indonesia ha dispiegato 7,000 soldati che vengono impiegate per pure il fiume. La pulizia dei fiumi è diventata una priorità nell’agenda del Presidente, così tanto che sono stati creati programmi universitari legati alla pulizia e i giornalisti documentano i progressi giornalmente.


“Abbiamo avuto l’idea per Sungai Watch cercando una soluzione per monitorare i fiumi ed unire le persone allo stesso tempo. Immaginate di vedere la pulizia del fiume più inquinato al mondo in tempo reale” ha raccontato Gary.

La piattaforma online di Sungai Watch sarà disponibile per il pubblico ad inizio 2020. Utilizza il GIS, Geographic Information System, e una Intelligenza Artificiale per vedere i dettagli nel fiume fino a 10 centimetri. Gary spera che Sungai Watch possa essere la soluzione per pulire i fiumi in tutto il mondo.

“Siamo estremamente contenti di aver collaborato con Plastic Fischer per portare il loro progetto nelle varie correnti d’acqua intorno a Bali. Hanno sviluppato il design perfetto che è allo stesso tempo modulare ed economico e siamo eccitati di utilizzare questi booms come uno strumento per unire le comunità” ha detto Gary.

Plastica, ragazzo olandese inventa un dispositivo per raccogliere i rifiuti dai fiumi VIDEO

La campagna lanciata il 2 novembre includerà una spedizione per tracciare i flussi d’acqua del fiume Ayung, insieme a film e video educativi, sessioni educative e attività di pulizia in cui verranno coinvolte le varie comunità.

“Bintang si sta dedicando a pulire le nostre correnti d’acqua. Lo dobbiamo a Bali” ha raccontato Mariska van Drooge, marketing director Bintang Indonesia.

 

 

 

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago