Attualità

Plastica, il 4 giugno Marevivo lancia il #PlasticFreeDay

Condividi

Plastica. È passato quasi un anno da quando il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, lanciò la Plastic Free Challenge al presidente della Camera, Roberto Fico, e al ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, chiedendogli di liberare le loro istituzioni dalla plastica.

Nello stesso giorno, Costa annunciò anche che il suo dicastero, a partire dal 4 ottobre 2018, sarebbe stato plastic free.

Da quel giorno, tante sono state le iniziative per la riduzione dell’uso della plastica.

Mare. Il 4 giugno salpa ‘Mal di Plastica’, la barca realizzata con scarti e bottiglie

In 365 giorni 4 ministeri, 3 Regioni, oltre 100 comuni e isole e più di 150 istituti scolastici ed università hanno deciso di ridurre l’uso del monouso.

E per festeggiare questa grande rivoluzione che ha unito il nostro Paese contro un obiettivo comune, il contrasto all’inquinamento marino, Marevivo lancia per il 4 giugno il #PlasticFreeDay, la giornata senza plastica.

Cannucce e posate dagli scarti dell’avocado. Bioplastica sostenibile VIDEO

Per l’intera giornata, l’associazione chiede a tutti di rinunciare alla plastica usa e getta e di condividere foto e video sui social con l’hashtag #PlasticFreeDay.

“Marevivo ha sicuramente acceso una miccia, già 35 anni fa, che oggi finalmente ha provocato una grande esplosione – ha detto spiegato la presidente di Marevivo, Rosalba Giugni – un anno fa nessuno era plastic free, oggi siamo felici dei risultati raggiunti. Dobbiamo continuare su questa strada, senza fermarci, spingendo affinché in Italia venga recepita al più presto la Direttiva Europea che mette al bando la plastica monouso”.

Plastica, un milione di bottiglie al minuto: 91% non vengono riciclate

Una sfida in cui ognuno può essere creativo perché l’alternativa esiste ed è possibile utilizzare altri materiali.

Per salvare il Pianeta, dobbiamo impegnarci tutti e creare un vero e proprio movimento plastic free.

 

(Visited 165 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago