AttualitàGood NewsInquinamento

Plastic Free, il 20 giugno torna il Plogging Day: ecco come partecipare

Condividi

Il 20 giugno torna il Plogging Day, l’iniziativa di Plastic Free Onlus per invitare tutti a pulire l’ambiente dai rifiuti di plastica dispersi. Ecco come partecipare.

Torna il prossimo 20 giugno il Plogging Day, l’iniziativa di Plastic Free Onlus che mira a spingere le persone a pulire l’ambiente circostante, rimuovendo i rifiuti dispersi. A due mesi dall’ultima edizione, sarà possibile iscriversi nell’apposita sezione sul sito di Plastic Free. Per partecipare occorre compilare il form e attendere l’arrivo di una e-mail, dove in allegato sarà invita una pettorina da indossare durante l’azione.

I partecipanti dovranno pulire, da soli o in compagnia, un piccolo tragitto, un parco o una spiaggia. Una volta raccolti i rifiuti, sarà possibile pubblicare una foto sul gruppo Plastic Free Walk: i migliori 10 scatti saranno premiati con una borraccia di Plastic Free Onlus. Nell’ultima edizione, quella di marzo 2021, 2.200 partecipanti hanno ripulito un tratto di circa 5.000 chilometri, rimuovendo dall’ambiente 20.000 kg di plastica e altri rifiuti.

Veneto, l’associazione Plastic Free Onlus ripulirà gli argini del Po dai rifiuti

Il Plogging Day di Plastic Free Onlus è supportato da Var Group, TUA Assicurazioni, Regina e Flowe.

(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago