Politica

Plastic tax giù del 70%, pressing su tampo tax. Tutte le novità della manovra

Condividi

Un taglio di netto alla tassa sulla plastica e una riduzione delle “microtasse” di circa un miliardo. Il rinvio a luglio la lotteria degli scontrini. Lo stop alle multe per i commercianti che non aderiscano. Eccole, alcune delle novità nel cantiere della manovra.

Le commissioni di Camera e Senato che esaminano decreto fiscale e legge di bilancio sono ferme: si tenterà un’accelerazione nel fine settimana. Ma non è detto che si riesca, sia perché c’è chi, come Italia viva, già fa sapere di non accontentarsi, sia perché ci sono coperture ancora da trovare.

E cresce l’allarme tra chi vede a rischio le sue proposte, come le deputate di maggioranza che fanno appello al ministro Roberto Gualtieri per mettere “in salvo” il loro emendamento per la “tampon tax“, la riduzione dell’Iva sugli assorbenti. Ad agitare gli animi ci sono anche temi come il carcere agli evasori, su cui prosegue il braccio di ferro.

Sulla plastica, intanto, il governo sembra mettere un primo tassello, accogliendo le indicazioni delle aziende, concentrate in particolare in Emilia Romagna. Un emendamento dovrebbe tagliare l’imposta del 70% ed escludere non solo la plastica compostabile e biodegradabile, ma anche quella riciclata e tutti i dispositivi medici e gli imballaggi di medicinali, incluse le siringhe. Di più, Gualtieri, che annuncia un “piano nazionale per la plastica sostenibile“, starebbe lavorando per rafforzare gli incentivi per la riconversione della produzione verso riciclo e riuso (c’è già un credito d’imposta del 10% fino a 20mila euro).

Plastic tax, come funziona la tassa per disincentivare il monouso

Se si somma al “quasi azzeramento” dell’imposta sulle auto aziendali, si arriva a una riduzione delle microtasse in manovra di circa 1 miliardo, con coperture ancora da indicare (ma si conterebbe sul miglioramento delle entrate fiscali).

I lavori sulla legge di bilancio dovrebbero entrare nel vivo nel fine settimana, al Senato, per arrivare in Aula come previsto il 3 dicembre. Quasi una “mission impossible”, che però permetterebbe (come chiede anche il capogruppo Pd Andrea Marcucci) di approvare la legge di bilancio in tre letture e rinviare alcune delle modifiche alla Camera, per poi tornare al Senato per il via libera, magari tra Natale e Capodanno.

Manovra 2020, tutti i bonus “green” per la tua casa

Anche a Montecitorio si proverà nelle prossime ore un’accelerazione sul decreto fiscale, per portarlo in Aula venerdì (e approvarlo con probabile voto di fiducia). Ma non solo i tempi sono assai ristretti: restano ancora da sciogliere diversi nodi, a partire dalle modifiche alla norma sul carcere e la confisca per gli evasori, su cui una riunione registra una nuova fumata nera. Si va verso invece verso un’intesa sull’allentamento alla stretta sugli appalti.

Per gli enti locali arrivano 100 milioni in manovra e un aumento a 1400 euro degli stipendi dei sindaci di piccoli comuni. Mentre potrebbe diventare una detrazione, la “tampon tax” su cui Laura Boldrini e altre deputate annunciano battaglia al grido di “il ciclo non è un lusso“. Abbassare l’Iva dal 22% al 10%, oltre a costare oltre 200 milioni, ha infatti dei problemi tecnici: l’idea è introdurre in manovra una detrazione delle spese per assorbenti in proporzione al reddito.

Agricoltura, in manovra 600 milioni di euro per il settore. Quali sono le novità

Tra le modifiche annunciate c’è poi lo stop alle multe legate alla lotteria degli scontrini, che partirà da luglio e non da gennaio. E ancora: la possibilità per le imprese di continuare a compensare eventuali debiti fiscali con i crediti vantati nei confronti della P.a, semplificazioni per chi accetta pagamenti con carte e bancomat.

E modifiche attese come 900 borse di studio in medicina e 315 assunzioni all’arsenale di Taranto. In arrivo anche il nuovo calendario del 730 che si dovrà inviare non più entro il 23 luglio ma entro il 30 settembre.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago