AttualitàGood NewsRoma

Più viaggi, più leggi: arriva a Roma la biblioteca digitale di Atac. Ecco come funziona

Condividi

A Roma arriva la biblioteca digitale di Atac, pensata per tutti i passeggeri. Si chiama Più viaggi, più leggi, ed è una iniziativa appena lanciata dall’azienda del trasporto pubblico della Capitale.

Si chiama Più viaggi, più leggi ed è una vera e propria biblioteca digitale che Atac ha ideato per tutti i passeggeri del trasporto pubblico a Roma. Basta utilizzare la fotocamera dello smartphone e inquadrare il QR Code per avere accesso a centinaia di e-book, audiolibri e anche brani musicali. Ci sono diverse sezioni disponibili, con vari generi, adatti a tutte le fasce d’età. Come spiega infatti Atac, nel catalogo digitale a disposizione dei passeggeri ci sono romanzi e racconti italiani, classici da tutto il mondo, raccolte di poesie, saggi teatrali, audiolibri e anche brani di musica classica.

Nell’offerta della biblioteca digitale di Atac c’è anche la sezione dei ‘Libri da viaggio’, contraddistinti dal simbolo dell’orologio: sono racconti brevi, ideali per un viaggio in metro o in autobus. Ma anche la sezione dei libri in lingua straniera, contraddistinta dalle varie bandiere e con testi in inglese, francese, spagnolo, rumeno e bengali.

Roma, approvato nuovo regolamento rifiuti: feste plastic-free e stop ai sacchi neri

I QR Code dell’iniziativa Più viaggi, più leggi sono stati affissi su oltre 200 pensiline delle fermate dei bus, su alcuni treni della Metro A e della Metro B, su varie stazioni della Metro C, al box di capolinea di piazza dei Cinquecento e, sempre a Termini, nell’apposita biblioteca digitale, che vanta oltre 300 e-book nella zona di accesso della metropolitana.

(Visited 51 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago