pitbull bambina mamma accoltella

La donna dopo il dramma: “Non avevo scelta”. L’altro cane sarà abbattuto.

Il dramma all’improvviso, con i due pitbull di famiglia che entrano in casa e azzannano una bambina di appena un anno. La mamma, per difenderla, ha preso un grosso coltello da cucina e ha pugnalato uno dei cani. Ferite, oltre alla piccola, anche la mamma, la nonna e la sorella più grande. La bambina si trova ora ricoverata in terapia intensiva, ma dovrebbe farcela.

È accaduto domenica scorsa a Pico Rivera, nella contea di Los Angeles, in California. I due pitbull erano stati adottati dalla famiglia da qualche mese ma non avevano mai dato segni di pericolo. “Ho accoltellato il cane perché dovevo difendere mia figlia, non avevo altra scelta“, ha spiegato la mamma della bambina, ferita al volto e ad un braccio. La nonna, invece, ha raccontato: “Uno dei due cani ha azzannato mia nipote alla gamba, alla caviglia e alla spalla. Ho cercato di allontanarlo e mi ha morso la mano. Comunque penso ce la possa fare, è forte”.

Il pitbull accoltellato è morto per le ferite riportate, l’altro invece sarà soppresso dalle autorità. Un nuovo episodio di attacchi di cani di razze pericolose, la cui gestione non è per niente facile e che possono improvvisamente costituire un pericolo per chiunque. Se ne parla molto, anche se il tema è complesso e delicato. E spesso, pur di non rassegnarsi alla tragedia, si arriva a gesti estremi, come quello di questa madre.

Articolo precedenteCaraffe filtranti, migliorano davvero l’acqua? Secondo un test svizzero solitamente no
Articolo successivoTenuta Sette Ponti e Feudo Maccari, dalla Toscana alla Sicilia storia, tradizione e vino biologico