A Pinzolo (Trento) c'è una

A Pinzolo, in provincia di Trento, una “piscina” di letame tra gli alberi con argini fatti di liquami. La denuncia del consigliere provinciale Filippo Degasperi (Onda): “Chi dovrebbe controllare, non lo fa”.

A Pinzolo, un piccolo borgo in provincia di Trento, c’è una “piscina” di letame. A denunciare l’episodio è Filippo Degasperi, consigliere provinciale di Onda, dopo averlo segnalato alle Autorità.

Lo smaltimento dei liquami è avvenuto in località Plaza di Sant’Antonio di Mavignola, un’oasi ricca di biodiversità vicino a Madonna di Campiglio, nel cuore del Parco Naturale dell’Adamello-Brenta.

Il consigliere provinciale trentino Filippo Degasperi (Onda): “Chissà perché nessuno oltre a noi vede nulla”

È già la terza volta che, in appena un anno, si verifica un vero e proprio sfregio al territorio boschivo trentino. Eppure, in questa occasione, gli incivili si sono “superati” con la costruzione di una “piscina” in cui versare i liquami. La singolare vasca è dotata perfino di argini fatti di letame.

Questa “opera di ingegneria”, come l’ha definita lo stesso Filippo Degasperi al quotidiano “Il Dolomiti“, rappresenta però un pericolo per l’incolumità di persone e animali. Proprio per questo il consigliere di Onda ha depositato un’interrogazione per sollecitare la Giunta a potenziare i controlli, così da individuare i trasgressori.

È la terza volta che succede, con modalità anche pericolose. Lo scorso anno, la colata di letame era arrivata anche nel fiume Sarca, con conseguenze pesanti dal punto di vista dell’ambiente“, dichiara a Teleambiente il consigliere Filippo Degasperi. “Come mai le segnalazioni arrivano a noi, mentre quelli che dovrebbero controllare non vedono mai nulla? La conclusione che tiro io è che, se in un anno, per tre volte, ci segnalano che la stessa azienda, presumibilmente, adotta gli stessi comportamenti incivili, vuol dire che chi dovrebbe controllare, non lo fa“.

Articolo precedenteEmpoli, arriva il primo “hotel” per favorire la nidificazione delle api
Articolo successivoSostenibilità, in America il primo albergo a emissioni negative ispirato agli alberi di pioppo