impianto solare galleggiante torino

L’impianto solare galleggiante sarà installato nel bacino artificiale della Cava Germanaire, in via di dismissione, fra Carignano e Carmagnola, nel Torinese.

Anche il Piemonte avrà il suo impianto fotovoltaico galleggiante. Sarà installato nel torinese dall’azienda Coesa, fondata nel 2012 a Torino da due giovani ingegneri neo-laureati del Politecnico, Federico Sandrone e Dario Costanzo.

L’impianto solare galleggiante sarà installato nel bacino artificiale di una cava in dismissione (la Cava Germanaire) tra Carignano e Carmagnola.

“Questo intervento – ha spiegato l’amministratore delegato dell’azienda e co-fondatore Federico Sandronepermette di evitare consumo di suolo e strutture fisse, e di avere un aumento della produttività. Il panello fotovoltaico infatti, a differenza di quanto molti pensano, in agosto produce meno che in giugno perché si surriscalda. Sull’acqua però questo problema non c’è perché viene rinfrescato. Inoltre il pannello galleggiante usa tutta la rifrazione della luce che rimbalza sulla superficie del bacino idrico”.

“Stiamo studiando anche la fauna – ha aggiunto Sandrone – per fare in modo che l’impianto non interferisca con l’ambiente: i pannelli saranno tenuti a oltre 50 metri dalle rive, dove nidificano gli uccelli, e le loro file saranno distanziate di cinque metri, in modo da non creare ombre dannose per l’ecosistema del lago. Il bacino è di 25 ettari e noi ne copriremo 10, quindi avremo 100 mila metri quadrati di pannelli solari con una copertura discontinua. Li posizioneremo al centro dello specchio d’acqua, dove la profondità è maggiore: 50 metri. Ed è dimostrato che nei bacini chiusi la luce non arriva sotto i dieci metri”.

Articolo precedenteCampagna Mosaico Verde, superati 300.000 alberi in Italia per dare ossigeno ai territori e contrastare i cambiamenti climatici  
Articolo successivoBiodiversità a Roma, 32 fotografie e 11 acquerelli per scoprire il patrimonio faunistico della capitale